Agenda Digitale Crisi e Crescita

Mutuo: che cosa è, in cosa consiste e come richiederlo?

Il momento storico è propizio: richiedere un mutuo pare convenga. Ma di cosa si tratta esattamente e come fare per richiederlo?

CHE COSA E’ IL MUTUO

Per definizione il mutuo è un contratto di prestito che consiste nel trasferimento di una data somma di denaro da un soggetto (mutuante) a un altro (mutuatario). Quest’ultimo si assume l’obbligo di restituire al mutuante il denaro prestato che, a seconda degli accordi e delle clausole contrattuali, può prevedere o meno un interesse più o meno alto

In fase di acquisto di una casa, che prevede il versamento di una somma onerosa, richiedere un mutuo è una pratica comune: moltissime sono, infatti, le banche che propongono servizi ad hoc. Ma, ci si chiede soprattutto se si è alle prime armi, come fare a prendere visione delle offerte, come scegliere quelle più convenienti o adatte alle nostre esigenze e, in particolare, come tutelarsi dalle truffe.

Per prima cosa, se si vuole richiedere un mutuo, è necessario confrontare più preventivi attraverso calcolatori di mutui online: servizi preposti a ricercare e trovare il mutuo giusto.

Model house --- Image by © Matthias Kulka/zefa/Corbis
Model house — Image by © Matthias Kulka/zefa/Corbis

QUALI SONO LE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI MUTUO E IN COSA DIFFERISCONO TRA LORO?

Non a caso esistono moltissime tipologie di mutuo, distinte tra loro in base al tasso di interesse applicato. Il primo distinguo da fare è quello tra tasso fisso e tasso variabile: il tasso fisso, stabilito in fase iniziale, comporta una rata più elevata rispetto a quella del mutuo a tasso variabile ma non subisce variazioni nel corso degli anni. Questa tipologia di mutuo è conveniente solo nel momento in cui i tassi di interesse risultano particolarmente bassi. Il tasso variabile, invece e proprio come dice la parola, può subire variazioni nel corso del tempo ma ha, tra i vari vantaggi, quello di avere una rata dall’importo più basso che, tuttavia, in caso di innalzamento dell’indice di riferimento è soggetta a un aumento.

Oltre al tasso fisso e al tasso variabile esistono anche il tasso misto, il tasso bilanciato e il tasso capped rate: tutti potenzialmente interessanti sulla base delle esigenze e dei bisogni individuali. Tendenzialmente tutte le banche puntano al guadagno che, per essere ottenuto, necessita di un investimento. Per ottenere utili, utilizzando liquidità, le banche prestano soldi (mutui) a coloro che siano in grado di dare effettive garanzie e di restituirli con gli interessi. Infatti i vari mutui si differenziano anche in base alle modalità di rimborso che possono essere a durata costante e rata variabile, a durata e a rata costanti, a rimborso flessibile e infine a rata e durata variabile.

Come si vede, accendere un mutuo non è un’impresa semplice: essa comporta un dispendio di tempo e di energia importante e, proprio in virtù di questo, si consiglia di avvalersi, per esempio, del supporto dei calcolatori di mutuo online: i quali vi consentiranno di chiarirvi le idee e di mettere a confronto più soluzioni, prima di scegliere quella più consona alle vostre esigenze.

Post Comment