In Evidenza

Come trovare lavoro e lavorare in Inghilterra

Il sogno nel cassetto

Vuoi trovare lavoro in Inghilterra? Sappi che sei in buona compagnia perché vivere e lavorare a Londra e in Inghilterra è il classico sogno nel cassetto che attraversa indenne le generazioni. La capitale inglese è la meta preferita di chi cerca una possibilità, una carriera o di chi vuole semplicemente mettersi alla prova per un periodo limitato di tempo. Burocrazia snella, molteplici offerte di lavoro, la sensazione di far parte di una realtà di respiro internazionale sono solo alcune delle attrattive che rendono l’Inghilterra il sacro Graal del mondo del lavoro. Ma quali sono i passi necessari per realizzare il tuo sogno?

Scegliere la città

Prima di partire devi avere ben chiara la tua destinazione. Nel sito Trucchi Londra troverai una serie di grafici che ti aiuteranno a stabilire la tua meta con cognizione di causa. Il tasso di disoccupazione inglese si attesta intorno al 5% ma è chiaro che città come Londra, Edimburgo o Liverpool possono offrirti molti più sbocchi rispetto a un paesino della campagna inglese. Se osservi con attenzione i grafici proposti nel sito puoi notare, ad esempio, che Nottingham è una delle città dove puoi trovare gli affitti più bassi. Incrociando i risultati dei grafici puoi notare subito un particolare interessante. Milton Keynes è la città che registra la crescita più cospicua di popolazione insieme alla maggiore crescita di posti di lavoro. La parola chiave è informazione. Prima di partire studia bene la realtà nella quale vuoi vivere e lavorare. Per i primi tempi, prima di acquisire la necessaria sicurezza, puoi scegliere mete dove ci siano collegamenti aeroportuali diretti con l’Italia o orientarti verso città con affitti bassi.

Studiare l’inglese

Può sembrarti banale o scontato ma è l’aspetto che devi curare di più prima della partenza. Un’elevata capacità di comprendere e parlare la lingua sarà il tuo lasciapassare per numerosi posti di lavoro. La realtà inglese è meta ambita di giovani provenienti da qualsiasi parte del globo. Questo fenomeno crea una forte concorrenza che puoi fronteggiare soltanto con un inglese fluido e sicuro. Verifica il tuo livello e, prima di partire, affidati a qualche buon corso per perfezionare la lingua. Puoi anche scegliere corsi specifici dedicati alla comprensione dell’inglese professionale e commerciale.

Come trovare lavoro in Inghilterra

Negli anni 80 la prassi era più o meno questa: dopo il diploma mettevamo qualcosa in un borsone e partivamo alla volta di Londra con la speranza di trovare lavoro in un fast-food e migliorare il nostro livello d’inglese. Puoi farlo anche ora così come puoi sfruttare gli enormi strumenti che ti vengono offerti dalla tecnologia. Internet può rivelarsi una miniera d’oro. Affidati a siti come Linkedin, Monster Job o semplicemente cerca su Google “Employement London” e inizia la ricerca. Affidati ad amici e conoscenti che lavorano già in Inghilterra. Puoi scegliere un’agenzia di lavoro interinale. Basta fare un’intervista e lasciare il proprio curriculum. In ultima analisi puoi affidarti alle istituzioni inglesi che attraverso i vari Jobcentre dislocati nel paese offrono migliaia di opportunità lavorative.

Scrivere il curriculum perfetto

La pubblicità è l’anima del commercio recita uno dei modi di dire più conosciuti in Italia. E, in effetti, rispecchia la realtà dei fatti. Considera il tuo curriculum come il mezzo più adatto a pubblicizzare la persona di cui quell’azienda non può fare a meno: tu. Realizza un contenuto su misura per la società che hai preso in considerazione. Ricordati un principio base per i curriculum inglesi ovvero “More is Less”, non andare oltre le due pagine, sintetizza a regola d’arte e non essere prolisso. Accompagna il cv con una cover letter anch’essa breve (una pagina) dove in poche parole dovrai spiegare perché sei la persona adatta a quel posto di lavoro. Ti sembrerà strano o poco attinente ma usa le keywords, ovvero le parole chiave relative all’azienda e al tipo di occupazione. Molte società, infatti, utilizzano i sistemi Ats capaci di filtrare i cv attraverso le keywords. Invialo e incrocia le dita, l’avventura sta per iniziare!

Affrontare il colloquio di lavoro

Dedica i giorni che precedono l’importante appuntamento all’approfondimento della storia dell’ azienda che ti ha fissato il colloquio di lavoro. Dovrai rispondere a domande del tipo “Perché proprio questa società?” e dovrai essere pronto a motivare con cognizione di causa la tua risposta. In rete puoi trovare l’elenco di domande che di solito vengono poste ai candidati. Esercitati davanti allo specchio, mostrati sicuro, sorridente e professionale.

Alcuni consigli pratici

Qui di seguito puoi trovare alcuni consigli pratici per affrontare al meglio la tua avventura in Inghilterra:

1) Per trovare un alloggio segui gli annunci sui giornali locali oppure, appena sbarcato, rivolgiti all’Earl’s Court dove si trovano molti alloggi studenteschi. Sarà la tua base di partenza per cercare poi una sistemazione più opportuna. Non affittare mai nulla a scatola chiusa per evitare spiacevoli sorprese e informati sempre sull’ammontare della cauzione richiesta.

2) Richiedi il NiN ovvero il National Insurance Number. È il codice fiscale necessario per poter lavorare in Inghilterra. È necessario che tu abbia già un indirizzo fisico inglese al quale essere contattato. Ci vorranno da 1 a 4 settimane per averlo e considera che, una volta richiesto, è valido per sempre.

3) Apri un conto corrente inglese sul quale andrà versato lo stipendio Niente paura, per aprirlo ti basterà una semplice telefonata con la comunicazione dei dati necessari.

4) Appena arrivato compra la Oister Card, la tessera prepagata che ti consente di acquistare a prezzo agevolato qualsiasi biglietto per i mezzi di trasporto.

5) Cambia gli euro in sterline.

6) Iscriviti presso un GP (General Practicioner) per garantirti la possibilità di avere un medico di base in poco tempo.