Abbiamo sfidato la Silicon Valley per aiutare il mondo a prendere decisioni migliori

Una cosa è un sogno, un’altra è quando ti svegli un mattino e sei su un aereo diretto a San Francisco. La Silicon Valley è sinonimo di startup e di innovazione in tutto il mondo. Molti nostri giovani e, a dire il vero, anche parecchi che non lo sono più, sognano la California e tentano con alterni successi di sbarcare là dove la next big thing è più vicina che mai. Si parte dall’Italia e si arriva diretti in Silicon Valley, dove le startup pescano i loro migliori talenti: l’Università di Stanford. La Design School dell’Università …

Abbiamo sfidato la Silicon Valley per aiutare il mondo a prendere decisioni migliori

Una cosa è un sogno, un’altra è quando ti svegli un mattino e sei su un aereo diretto a San Francisco.

La Silicon Valley è sinonimo di startup e di innovazione in tutto il mondo. Molti nostri giovani e, a dire il vero, anche parecchi che non lo sono più, sognano la California e tentano con alterni successi di sbarcare là dove la next big thing è più vicina che mai.

Si parte dall’Italia e si arriva diretti in Silicon Valley, dove le startup pescano i loro migliori talenti: l’Università di Stanford.
La Design School dell’Università di Stanford è infatti la base del Design Thinking, disciplina che ha reso famose aziende come Ideo o Frog (coinvolte niente meno che nella realizzazione di prodotti di aziende del calibro di Apple).

No, un attimo, indietro veloce, cerchiamo di capire come ci sveglia su un aereo per San Francisco diretti a Stanford.

Tutto parte da Sugar, un network di Università di tutto il mondo di cui Stanford è il nodo principale che da quaranta anni accetta sfide di innovazione lanciate dalle imprese.
Sì avete capito bene, sfide, challenge, come le chiamano loro. La sfida è realizzare in 9 mesi un’innovazione disruptive con un team multidisciplinare e internazionale di studenti attraverso il Design Thinking.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Dovete sapere che la rete Sugar ha l’unico nodo italiano in Emilia Romagna, il Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria dell’Università di Modena e Reggio Emilia.
E qui viene il bello, perché Iconsulting, eccellenza Italiana nel campo dei BigData, del DataWarehouse e della Business Intelligence, era alla ricerca di qualcuno che raccogliesse la sua sfida: aiutare il mondo a prendere decisioni migliori.

No, non è un sogno. E’ il collegamento diretto tra l’Emilia Romagna e la Silicon Valley, l’opportunità dietro casa alla quale non avevi ancora pensato.

Ok, got it! Avanti veloce. Play! Qualche settimana fa, davanti a quasi 200 professori, studenti e imprese provenienti da più di venti nazioni in tutto il mondo, un team di studenti composto da uno psicologo, un designer e due ingegneri gestionali ha raccolto la sfida di Iconsulting: creare un servizio o un prodotto che avesse al centro il tema delle decisioni.

Prendiamo ogni giorno migliaia di decisioni e, secondo la scienza, le scelte che facciamo sono spesso sbagliate. È qui che interviene Sugar in risposta al challenge di Iconsulting, proponendo strumenti, servizi o soluzioni che possano aiutare i manager e più in generale chi è chiamato a prendere decisioni per affrontare una sfida quotidiana: a Better World through Better Decisions

Stay tuned!

Piergiorgio Grossi
Matteo Vignoli

Per questo articolo si ringrazia:

Che Futuro! » Startup Italia

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Abbiamo sfidato la Silicon Valley per aiutare il mondo a prendere decisioni migliori

Abbiamo sfidato la Silicon Valley per aiutare il mondo a prendere decisioni migliori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi