Come andare in giro in bici elettrica in pochi passi

L'estate potrebbe non essere ancora arrivata, ma questo fine settimana segna almeno l'inizio non ufficiale dell'estate e quindi un ottimo momento per godersi il bel tempo all'aperto su una bicicletta elettrica.

Come ci ha spiegato una nota compagnia di biciclette elettriche: "dopo un anno di quarantena, le persone sono ansiose di uscire per fare escursioni, accamparsi e viaggiare. Sempre più campeggi, sentieri escursionistici e parchi nazionali stanno modificando i loro percorsi per accogliere coloro che utilizzano una e-bike”.

Con più località accessibili con l'e-bike che mai, questi suggerimenti possono aiutarti a divertirti quest'estate.

 

Scegliere la giusta e-bike

La scelta di una bici elettrica appropriata è un argomento che abbiamo trattato in dettaglio in precedenza ed è fondamentale per avere l'esperienza più sicura e divertente.

Diversi stili di e-bike sono pensati per diversi tipi di ciclisti. Le e-bike in stile Metro sono migliori per coloro che fanno la maggior parte della loro guida in città, mentre le mountain bike elettriche o le e-bike con pneumatici grossi sono probabilmente un'opzione migliore per coloro che trascorrono più tempo sui sentieri o su terreni sabbiosi o profondi.

Anche la geometria del telaio della bicicletta è importante. Come ha spiegato Rad, "se hai difficoltà a far oscillare la gamba sulla sella, anche quando hai regolato il sedile, potresti voler esaminare un modello Step-Thru. In alternativa, potresti essere troppo basso o troppo alto per la bici che hai in mente”.

 

Inizia piano

Se questa è la tua prima bicicletta elettrica (o soprattutto se è la prima volta che torni in sella dopo anni), dedica un po' di tempo a esercitarti prima di percorrere le piste ciclabili o i sentieri affollati.

Un parcheggio vuoto, un campo aperto o anche un cul-de-sac è un ottimo posto per recuperare le gambe in bicicletta e fare pratica con il controllo della tua nuova e-bike.

Alcune biciclette elettriche hanno acceleratore a mano che consente ai ciclisti di alimentarle come un ciclomotore, mentre altre hanno solo l'assistenza alla pedalata che fornisce semplicemente energia quando il ciclista pedala.

Conosci la tua e-bike e prendi confidenza con i suoi comandi prima di iniziare a guidare in ambienti più affollati.

 

Preparati mettendo in valigia l'essenziale

Gli studi hanno dimostrato che i ciclisti su biciclette elettriche in genere vanno più lontano e rimangono fuori più a lungo rispetto ai ciclisti su biciclette a soli pedali.

Ciò significa che vorrai essere preparato imballando tutti gli elementi necessari di cui avrai bisogno per i viaggi più lunghi. Potrebbe essere acqua, crema solare, un kit di pronto soccorso o qualsiasi altra cosa di cui potresti aver bisogno lungo la strada.

Come spiega Rad, “Assicurati di mettere in valigia il necessario e calcola quanto tempo starai fuori. L'archiviazione è fondamentale. Assicurati che ci sia spazio sufficiente per riporre la bici e che il portabiciclette che hai acquistato sia all'altezza del compito. Ci sono molti fattori da considerare quando fai i bagagli e pianifichi la tua avventura: ricorda che la durata della batteria sarà influenzata dal peso del carico.

Personalmente tendo a spegnere tra diverse e-bike che possiedo e non tutte hanno il portapacchi o le borse laterali. Ecco perché porto spesso uno zaino durante le mie uscite, soprattutto quando sono fuori per molte ore.

Per i viaggi più lunghi e le avventure in stile bikepacking ho una borsa da viaggio Cotopaxi più grande che si adatta a tutto ciò di cui ho bisogno (e che è anche diventata la mia borsa a mano preferita per l'aereo!). Ma per le gite di un giorno in generale, passo avanti e indietro tra due diverse borse CamelBak che sono diventate le mie preferite per le normali uscite quotidiane.

 

Guidare in sicurezza significa guidare in modo difensivo

La guida difensiva è una mentalità. Questo si è rivelato fondamentale per me nelle mie corse. Ogni volta che esco, sono sempre iperconsapevole di dove si nascondono i pericoli, soprattutto perché tendono a spuntare dove meno te lo aspetti.

Sia che si presuma che le auto stiano cercando di raggiungermi o che un numero qualsiasi di pericoli possa essere in agguato intorno alle curve cieche sui sentieri (o dal punto di vista di qualcun altro, potrei essere il pericolo che si avvicina alle curve cieche), cerco di mantenere il mio ingegno su di me sempre.

E Rad sembra essere d'accordo, dicendo che i motociclisti dovrebbero “prendere il controllo della situazione guidando sulla difensiva. A volte, le minacce non sono così facili da individuare. Le pozzanghere possono oscurare i pericoli nascosti sott'acqua e non sai mai cosa potrebbe essere coperto da quel mucchio di foglie bagnate sulla strada. È meglio giocare sul sicuro ed evitarli del tutto quando puoi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi