Come valorizzare la propria casa: dai mobili agli accessori da cucina

6bddc36128-Interno3Finiti i tempi in cui (soprattutto al Sud) ci si poteva permettere abitazioni dalle grandi metrature, oggi è importante sapersi destreggiare all’interno di una nuova tendenza urbanistica che vede per lo più appartamenti di metrature medio-piccole. Se dunque fino a 30 anni fa lo standard di base sotto il quale si aveva “la sensazione” di avere una casa piccola era 100 mq, oggi l’asticella per questo standard è stata spostata sotto i 70 mq.

 

Ma quanto è possibile rivoluzionare una appartamento di 70 mq, renderlo vivibile, moderno ed addirittura “spazioso”? Ad un primo sguardo non si direbbe, soprattutto se si tratta di un immobile di vecchia costruzione come quelli che vanno per la maggiore nelle grandi città come Roma e Milano, eppure anche in spazi di tale metratura, con un buon architetto alle spalle, è possibile realizzare piccole rivoluzioni di arredamento in grado di trasformare quei 70 mq di cui sopra in uno spazio elegante ed accogliente.

 

Cominciamo dalla stanza regina della casa, la cucina, e cominciamo mettendo in chiaro che non è più tempo per soluzioni “separate”, tanto più se si hanno a disposizione solo 70 mq; meglio dunque eliminare i divisori tra cucina e soggiorno (se la stabilità dell’immobile lo permette) e creare un ambiente unico.

 

Per dare un tocco di originalità alla cucina, oltre a preferire sempre e comunque soluzioni di mobilio chiare che in ambiti stretti danno luminosità e la sensazione del “volume”; per dare un tocco di originalità è invece possibile utilizzare degli accessori da cucina di design (qui trovi qualche esempio), come dei porta sale/zucchero in metallo, conformati secondo lo stile anni 50 ma in realtà attualissimi ed acquistabili per pochi euro presso i grandi centri commerciali dell’arredamento.

 

Questi richiami vintage saranno in realtà un filo rosso secondo cui disseminare di tanto in tanto la nostra abitazione utilizzando ad esempio anche dei porta biscotti trasparenti come quelli che si utilizzavano negli anni 60 o una soluzione a doppio divano da posizionare non troppo lontano dai fornelli (ricordiamo che la nostra soluzione prevede un ambiente unico soggiorno + angolo cottura).

 

1084230481Per i divani, se lo spazio lo consente, va per la maggiore oggi creare angoli a 90 gradi con un divano in stile moderno foderato in tessuto chiaro elasticizzato ed uno in finta pelle che magari richiami il colore della pelle di quelle poltrone che andavano tanto tra gli anni 70 ed 80. Rispetto a quelle di allora le attuali, oltre ad essere composte di materiali bio, sono anche meglio lavabili oltre che più economiche.

 

Il problema di avere due divani di diverso colore è che spesso a prima vista si ha la sensazione di aver piazzato due componenti esteticamente estranei tra loro, molto spesso anche disallineati con il resto dell’arredamento del soggiorno (e questo è un dato evidente soprattutto per il divano in pelle); questa limitazione può essere superata utilizzando un grande tappeto centrale che va ad uniformare cromaticamente il centro del salotto concorrendo in questo modo a dare anche maggiore “aggregazione” alle varie soluzioni d’arredo presenti.

 

Allo stesso modo l’utilizzo di un buon parquet (vanno molto quelli in wengè) uniforma il soggiorno con il resto della casa ovvero le due camere; sì, due, perché seppur ridotte come dimensioni è sempre possibile “tirar fuori” due camere da una metratura di 70 metri, e questo ha sia una valenza pratica (una camera in più è indispensabile specie se ci sono dei bambini), sia una valenza economica (il valore dell’immobile aumenta).

 

Se la struttura originaria della casa non prevede o non permette di creare la seconda stanza è possibile farlo scegliendo dei particolari armadi a ponte che con la loro particolare struttura vanno a creare una sorta di arco, dividendo in questo modo in due gli ambienti. Di solito si tratta di armadi in tinta chiara (meglio se bianco) privi di maniglie; sono più eleganti e danno meno l’idea di essere dei porta oggetti, mimetizzandosi (specie se li si sceglie bianchi) con muri e soffitti.

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi