Destini Hacker: Attacco al Sistema

“Attacco al Sistema” è la prima puntata di una serie di racconti scritti da un’insolita coppia: un esperto di sicurezza informatica di livello internazionale e membro di CLUSIT (Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica), Alessio Pennasilico, e il sottoscritto, Lele Rozza, professore di comunicazione. Cosa può uscire da questo mix di competenze? Credo principalmente due aspetti che prima o poi dovranno entrare nell’ordinario di tutti i cittadini, una categoria che sempre più si sovrappone a quella del “cittadino digitale”: in prima battuta occorre prendere coscienza che le vulnerabilità dei nostri sistemi, privati o aziendali che siano…

Destini Hacker: Attacco al Sistema

shutterstock_120638998

“Attacco al Sistema” è la prima puntata di una serie di racconti scritti da un’insolita coppia: un esperto di sicurezza informatica di livello internazionale e membro di CLUSIT (Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica), Alessio Pennasilico, e il sottoscritto, Lele Rozza, professore di comunicazione. Cosa può uscire da questo mix di competenze? Credo principalmente due aspetti che prima o poi dovranno entrare nell’ordinario di tutti i cittadini, una categoria che sempre più si sovrappone a quella del “cittadino digitale”: in prima battuta occorre prendere coscienza che le vulnerabilità dei nostri sistemi, privati o aziendali che siano, non sono solo una questione tecnica. Secondo, e non per questo meno importante, anzi, che la sicurezza delle informazioni passa prima di tutto dalla consapevolezza e dai comportamenti corretti di ciascuno di noi. Insomma, nell’Italia di oggi, e più in generale anche nel mondo (non a caso Blonk ha deciso di tradurre il titolo anche in lingua inglese), quello della sicurezza informatica è un problema ancora prima che tecnico, soprattutto culturale.

A queste prime riflessioni, che hanno portato sia me sia Alessio Pennasilico a verificare uno scenario di “guardia bassa” sul tema, si è aggiunta la necessità di poter arrivare a un pubblico più ampio e vasto di quello degli addetti ai lavori. Da qui l’idea di iniziare un vero e proprio lavoro di divulgazione attraverso la fiction, vista anche la difficoltà dei media e del giornalismo nel racconto delle vicende inerenti il crimine informatico e il mondo hacker.

La scelta della fiction è essenziale in quanto nella nostra epoca la cultura passa anche per l’intrattenimento, e in Alessio ho trovato una valida “spalla” da un punto di vista tecnico, tale da non dover incappare in errori e omissioni che spesso si incrociano nell’industria culturale che decide di farsi anche intrattenimento.

Internet, e non dico certamente una novità, non è tutta rose e fiori e proprio per questo il cittadino, che come dicevo è sempre più anche cittadino digitale, deve essere in grado di prendersi responsabilità e decidere come e quali strumenti usare per vivere la Rete senza spiacevoli sorprese.

Lunedì 17 marzo a partire dalle Ore 18 presso l’acceleratore Working Capital di Milano in via Rombon 52 (zona Lambrate) presenteremo con Alessio Pennasilico e Lele Rozza l’eBook edito da Blonk Destini Hacker –Attacco al Sistema.

Ad accompagnarci durante la presentazione ci saranno le domande e gli spunti del giornalista Luca Rinaldi e del pubblico che aspettiamo nei locali dell’Acceleratore Working Capital di Milano.

Lele Rozza (docente di Strategia della Comunicazione all’Istituto Superiore Interpreti e Traduttori (ISIT) presso Fondazione Milano e co-autore di “Destini Hacker – Attacco al Sistema”)

Per maggiori info sull’evento cliccare qui

The post Destini Hacker: Attacco al Sistema appeared first on Working Capital Accelerator.

Per questo articolo ringraziamo:

Working Capital Accelerator » Blog

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Destini Hacker: Attacco al Sistema

Destini Hacker: Attacco al Sistema

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi