Il ruolo dei nutrizionisti nella dieta

Molto spesso i ragazzi durante la fase di crescita non si preoccupano eccessivamente del proprio regime alimentare. Succede poi che durante la fase finale dell’adolescenza si rendono conto partecipando ad eventi, cerimonie e feste di 18 anni, di dover fare i conti con la linea: cosa fare in questi casi?

A questo proposito ci si rivolge spesso ai nutrizionisti, veri e propri dottori della corretta alimentazione, che di volta in volta propongono trucchi per la nostra salute alimentare. La nutrizione è la scienza che studia il rapporto tra la dieta e lo stato di salute o malattia. L’esistenza di un legame tra ciò che si mangia e lo stato di salute o lo svilupparsi di alcune malattie è riconosciuta fin dall’antichità.

Un’alimentazione sana è quella che fornisce la quantità di nutrienti e calorie, che corrispondono al proprio fabbisogno. La nutrizione è in continua evoluzione e l’acquisizione di nuovi dati e nuovi studi mette in condizione i medici di proporre dieta corretta che vengano periodicamente aggiornate in funzione delle nuove scoperte.

L’importanza della piramide alimentare

In cosa consiste la piramide alimentare? Si tratta di una piramide costituita da delle aree, dalla base al vertice. Ad ogni settore corrisponde un tipo di alimento, e la sua quantità. Nella nuova versione è stata introdotta anche l’attività motoria come elemento fondamentale. Alla base dell’attività fisica troviamo l’acqua. Sottolineiamo che alla base della piramide si trovano gli alimenti che possono essere consumati in quantità maggiore.

E’ giusto sottolineare l’importanza della dose giornaliera raccomandata: la quantità di vitamine e sali minerali che una persona dovrebbe assumere per soddisfare il fabbisogno minimo giornaliero. Le principali malattie direttamente legate a carenze vitaminiche sono lo scorbuto, il rachitismo, la pellagra e il beri-beri.

Il deperimento del sistema immunitario può dunque essere messo in stretta correlazione con carenze nutritive croniche o legate a fattori di malnutrizione protratti nel corso del tempo. Negli USA si è cercato di stabilire anche il dosaggio giornaliero ottimale, a cui ci si dovrebbe attenere, non per prevenire le malattie dovute a carenze nutritive, ma per salvaguardare un buon livello di salute.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi