La Porta: “Regaliamo una colazione con un click. Vi presento Barny.it”

Oltre un anno fa volevamo inviare una colazione ad un nostro amico per augurargli una buona giornata dal momento che, nel primo pomeriggio, avrebbe discusso la sua tesi di laurea. Cercammo online una società utile al nostro scopo ma non trovammo nulla. Contattammo allora delle attività commerciali vicine alla abitazione del nostro amico ma, alla richiesta dell’invio di una colazione a domicilio, ci presero per tre psicopatici. 
Da lì, ci venne l’idea di ideare noi il servizio. L’idea base della nostra società nasce dalla considerazione che oggi non esiste alcun servizio, oltre quello dei fiori, che …

La Porta: “Regaliamo una colazione con un click. Vi presento Barny.it”

Oltre un anno fa volevamo inviare una colazione ad un nostro amico per augurargli una buona giornata dal momento che, nel primo pomeriggio, avrebbe discusso la sua tesi di laurea. Cercammo online una società utile al nostro scopo ma non trovammo nulla. Contattammo allora delle attività commerciali vicine alla abitazione del nostro amico ma, alla richiesta dell’invio di una colazione a domicilio, ci presero per tre psicopatici. 
Da lì, ci venne l’idea di ideare noi il servizio.

barny.it

L’idea base della nostra società nasce dalla considerazione che oggi non esiste alcun servizio, oltre quello dei fiori, che possa rappresentare una forma di regalo in tempo reale a distanza geografica anche importante e rispondere a target di spesa più contenuti per la clientela più giovane.

E così è nata Barny.it, dove adesso lavoriamo in tre, con formazioni diverse.
Tre precari. Antonietta Sposato, maestra elementare. 
Patrizia Montanari, cake design. E 
Michele La Porta, giornalista.

Barny, anche se è una idea semplice, ha richiesto un anno di lavoro e quotidianamente cerchiamo di migliorarne e potenziarne il servizio.
Barny deriva da BAR – NY perché ci era stato proposto di realizzarlo per il pubblico americano.

Il nostro Pay out “Non si è mai troppo lontani”, legato ad un coinvolgimento prettamente affettivo, abbiamo immaginato potesse avere anche dei risvolti sociali. Il servizio Barny è attivo per tutte le persone libere da regimi costrittivi ma, forse ancora per “follia”, abbiamo la speranza che tale possibilità possa essere data anche a tutti i detenuti italiani.

Vorremmo restituirgli la sensazione di sentirsi ancora parte attiva nella società e presenti nel quotidiano delle persone a loro legate. Anche con un semplice gesto come inviando un regalo, una colazione, una “coccola”, una “carezza”.

barny.it

Il soggetto, in regime di privazione di libertà, si sentirà in questo modo non più passivo, ma partecipe a beneficio sia proprio che della propria famiglia, dando vita ad una operazione emozionante e carica di risvolti affettivi determinanti per il detenuto.

Infondo, non si è mai troppo lontani per ritrovarsi e “la vera felicità del dono è tutta nell’immaginazione della felicità del destinatario”.
Abbiamo già alle spalle un nutrito gruppo di professionisti che si occupa di diversi settori, dal sito alla rete commerciale fino alla struttura legale.

E stiamo gettando le basi per implementare una propria rete commerciale in alcune delle maggiori città d’Europa, con l’obiettivo di partire entro il 2014 anche fuori dai confini nazionali.

Michele La Porta
Antonietta Sposato
Patrizia Montanari
www.barny.it

Per questa news si ringrazia:

Che Futuro! » Startup Italia

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

La Porta: “Regaliamo una colazione con un click. Vi presento Barny.it”

La Porta: “Regaliamo una colazione con un click. Vi presento Barny.it”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi