L'innovazione della PA trainata dalla ricerca delle PMI italiane: il G-Cloud di Liberologico

L'innovazione della PA trainata dalla ricerca delle PMI italiane: il G-Cloud di Liberologico

News by LobbyInnovazione

I numeri parlano chiaro: le piccole e media imprese italiane, contrariamente alla media registrata negli altri paesi dell’Unione Europea, si distinguono per innovazione e vantano una spiccata propensione alle attività di R&S e un miglior tasso di cooperazione fra pubblico e privato. La percentuale di PMI italiane che hanno introdotto innovazioni di prodotto, di processo o significative novità nel mercato supera infatti il 35%: un dato di successo secondo solo a Germania e Svizzera (CE, Innovation Union Scoreboard 2011).

L’azienda pisana Liberologico si è posta l’obiettivo di consolidare la sua propensione all’innovazione potenziando la propria offerta in ambito cloud computing.

Grazie infatti ad un progetto di ricerca ICT cofinanziato da Sardegna Ricerche Liberologico è ora in grado di presentare una prima applicazione as-a-Service pronta per la distribuzione su cloud computing per la Pubblica Amministrazione locale e centrale: PAFlow SaaS, evoluzione del noto PAFlow, il primo sistema open source di protocollo informatico e gestione documentale, nato ad inizio 2000 con il supporto dell’AIPA (ora DigitPA) e la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, completamente reingegnerizzato e rinnovato, in linea con le più recenti direttive dell’Agenda Digitale in materia di semplificazione e dematerializzazione.

Il progetto PAFlow SaaS si innesta perfettamente nel percorso di sviluppo di un marketplace di servizi applicativi cloud avviato nel 2009 con il progetto CUSTOM che proseguirà nel 2013 e 2014 con il progetto ICARO, co-finanziato di Regione Toscana.

Sono ormai ben noti i vantaggi che l’adozione del cloud computing comporta, specialmente nella pubblica amministrazione, a livello di riduzione dei costi e di maggiore efficienza. Secondo l’indagine “Osservatorio Cloud e ICT as a service” (PoliMI 2012), la sola PA centrale ha attualmente 1033 Data Center, fonte importante di costi e complessità gestionale, cui vanno aggiunti i 3000 della PA locale e della Sanità. In questi Data Center viene gestito un hardware disomogeneo e non industry standard, utilizzato per una frazione delle proprie potenzialità, con il ricorso a tecniche di virtualizzazione solo per un 25% delle macchine. Su questo hardware, inoltre, sono presenti applicazioni prevalentemente legacy, scritte in linguaggi ormai superati e costosi da manutenere. La spesa IT risulta gravemente inefficiente e porta con sé costi nascosti di gestione pari a circa 1 miliardo di Euro l’anno in risorse umane impegnate per la gestione e una spesa energetica non ottimale stimabile in 270-300 Milioni. L’Osservatorio stima che per la razionalizzazione dei costi dell’infrastruttura in 5 anni sia possibile conseguire un risparmio di 3,7 Miliardi. Se, però, si aggiungono a questi elementi anche un processo di razionalizzazione dei Data Center sul territorio e il progressivo utilizzo di tecniche di virtualizzazione in modo diffuso, che permettano di superare il paradigma 1 server-1 applicazione, il beneficio crescerebbe di ulteriori 1,9 Miliardi.

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: L'innovazione della PA trainata dalla ricerca delle PMI italiane: il G-Cloud di Liberologico

L’articolo è stato realizzato/diffuso nell’ambito di un’attività di promozione di siti internet per mezzo della diffusione attraverso il web di articoli personalizzati e comunicati stampa.

Parchi scientifici e tecnologici, Università, incubatori, venture capital, seed capital, business angel, istituzioni, imprese, start-up, spin-off raccontano, ogni due mesi sulla pubblicazione cartacea e con regolarità sul sito web, le loro attività, i loro successi, le novità, i problemi e le soluzioni proposte. Innov’azione è ‘l’organo ufficiale dell’innovazione italiana’ che mette in luce i tanti e ottimi risultati che ogni giorno si concretizzano in termini di iniziative, di nuove idee, di imprese che nascono, di ricerca che diventa business e che fa il punto su ciò che ancora può e deve essere migliorato per dare maggiore slancio all’ecosistema dell’innovazione che è l’unica strada percorribile per dare un futuro all’economia del Paese.
Argomenti trattati: 103 | La voce all’ecosistema dell’innovazione italiana.
Altre informazioni inerenti L'innovazione della PA trainata dalla ricerca delle PMI italiane: il G-Cloud di Liberologico: , , http://www.lobbyinnovazione.it/index.php?format=feed&type=rss&lang=it, Innovazione – Start up Impresa – Business Angel, Innovazione parla di imprese start up, parchi tecnologici, venture capital. Innov’azione ha lo scopo di dare voce all’ecosistema dell’innovazione italiana.

Molte malattie possono interessare i muscoli che possibile rallentare il flusso di sangue, causare disfunzione erettile. farmacie online fornisce medicine migliaia di prescrizione e di altri medicina. In generale, gli uomini e le donne soffrono di disturbi sesso. Hai una domanda su Kamagra e “Kamagra Oral Jelly UK“? Ciò che i consumatori parlano di “”? Altro punto dobbiamo è “”. Anche se il sesso non è di vitale importanza per una buona salute, è decisamente importante per voi. Prima di prendere il Kamagra, informi il medico se si hanno problemi di sanguinamento. Tenere questo rimedio nel contenitore è entrato, spessa chiusa. Per esempio i medicina liquidi, se possibile, devono essere conservati in frigorifero, ma anche possibile essere conservati a temperatura ambiente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi