Made in Italy? Solo gli esuberi. Il caso Sixty di Chieti

Made in Italy? Solo gli esuberi. Il caso Sixty di Chieti

Made in Italy by AgoraVox.it

«Vogliamo conoscere il futuro dell’azienda». Era questo il messaggio che arrivava dal tetto dello showroom della Sixty di Chieti. Marino D’Andrea e Massimo di Francesco, due lavoratori dello stabilimento teatino del gruppo che detiene marchi prestigiosi della moda quali Miss Sixty, Energie, Killah, Murphy&Nye, RefrigiWear, erano saliti su quel tetto per avere risposte chiare sul futuro dell’azienda e dei suoi 414 dipendenti. Una forma di protesta che era partita durante lo sciopero (…)


Economia

/
Lavoro,
Crisi,
Proteste,
Lavoratori,
Cassa integrazione,
Made in Italy,
Alcoa,
No Cut,
Chieti,
Sixty

Approfondisci l’argomento consultando l’articolo principale

La realtà del Made in Italy. Le Aziende del Mad in Italya nel mondo. Legislazione e normativa. Problematiche ed eccellenze.
Argomenti trattati: 0052 | Il Made in Italy by AgoraVox.it: Aziende italiane, legislazione, eccellenze e problematiche del Made in Italy
Altre informazioni inerenti Made in Italy? Solo gli esuberi. Il caso Sixty di Chieti: , Carmine Tomeo, http://www.agoravox.it/spip.php?page=backend&id_mot=11716, AgoraVox Italia, Il primo sito europeo di giornalismo partecipativo – citizen journalism – ora anche in Italia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi