Acquario di barriera o di acqua dolce?

L'acquario di barriera è una tipologia ad acqua salata, che ha lo scopo di riprodurre il biotipo marino con una porzione di barriera corallina e di pesci esotici. Implica l'utilizzo di vasche molto ampie (da 200 a 2000 litri), con costose apparecchiature, ma ha un aspetto veramente unico nel suo genere, in quanto i coralli e la fauna ittica contribuiscono a rendere l'ambiente arricchito da una fantastica policromia. Si sta diffondendo presso una fascia sempre più alta di appassionati; la caratteristica principale di questo biotipo è la presenza di rocce vive prelevate direttamente in natura, la cui estrema porosità consente lo sviluppo di una flora batterica al loro interno.
L'acquario di acqua dolce ospita principalmente piante e pesci provenienti da habitat come laghi, fiumi, pozze di acqua dolce o paludi, ed il suo allestimento è più agevole e meno costoso rispetto a quello di barriera.
In ambedue i casi, è consigliabile che l'acquariofilo si documenti attentamente prima di optare per una delle due possibilità.

Caratteristiche dell'acquario di barriera

Per allestire un acquario di barriera, è necessario innanzitutto utilizzare acqua di osmosi, per poter sciogliere i sali artificiali indispensabili per ottenere le condizioni chimiche dell'acqua delle barriere coralline.
Le vasche devono essere obbligatoriamente aperte, per consentire l'evaporazione dell'acqua salata, e per permettere lo scambio gassoso con l'esterno.
Non è necessario utilizzare alcun aeratore che andrebbe a modificare i valori del pH, causando gravi problemi alla flora ed alla fauna presenti. Si possono inserire alghe come la Caulerpa, che abbattono i nitrati, ed alghe coralline, che spesso imprimono un meraviglioso colore viola alle rocce. Caratteristici sono i coralli, sia molli che duri, ed un'ampia varietà di invertebrati.
Per mantenere alta la percentuale di calcio, che consente la crescita degli scheletri corallini, è importante utilizzare l'anidride carbonica, mediante il "reattore di calcio". La fauna ittica caratteristica di questo acquario, deve essere prelevata in natura, in quanto non tutte le specie si riescono a riprodurre in cattività. Bisogna ricordare che i batteri che vivono all'interno delle rocce trasformano i nitrati in azoto gassoso. Di fondamentale importanza risulta la presenza di uno schiumatoio, un sistema di filtrazione che permette di eliminare i rifiuti azotati presenti in acqua, attraverso un procedimento di filtrazione che non implica l'utilizzo di un filtro biologico (come avviene nell'acquario ad acqua dolce).

Acquario di acqua dolce

Molto più gestibile ed economico, questo tipo di acquario è il più diffuso per vari motivi. Come substrato viene utilizzata acqua di osmosi miscelata a quella di rubinetto, entro cui viene inserito un aeratore che ha lo scopo di innalzare il livello di ossigeno sciolto, e di utilizzare l'anidride carbonica per incentivare la fotosintesi.
Sia le piante che la fauna ittica vivono bene in cattività, e la loro riproduzione avviene in maniera piuttosto facile; la filtrazione può essere sia meccanica (artificiale), che biologica (naturale), realizzata ad opera dei batteri presenti negli appositi substrati. Una caratteristica molto vantaggiosa è rappresentata dal fatto che i parametri dell'acqua risultano notevolmente più stabili rispetto a quelli dell'acquario di barriera.
L'illuminazione non svolge un ruolo indispensabile, ed è possibile utilizzare farmaci per la cura di alcune malattie, senza alterare l'equilibrio dell'acquario, che in generale è dotato di maggiore tolleranza verso qualsiasi tipo di variazione termica.

Confronto tra costi e manutenzione

Un acquario di barriera implica sicuramente una maggiore difficoltà di manutenzione ed una spesa più ingente rispetto a quello di acqua dolce. Infatti, sia la fauna ittica che i coralli sono elementi molto costosi e che richiedono cure particolari per la loro sopravvivenza, che non può venire supportata dall'utilizzo di alcun farmaco, mal tollerato dai coralli. Inoltre, l'illuminazione rappresenta la condizione indispensabile per un acquario di barriera, in quanto esso contiene alghe fotosintetiche indispensabili per la vita degli invertebrati in esso presenti.

Finestre di Design

Negli ultimi anni il design ha preso ampio spazio nel mondo architettonico e non, dando vita ad una vera e propria ‘’filosofia’’, un modo di fare legato allo stile moderno e che sembra accontentare tutti sotto molteplici punti di vista.
Quando si pensa alla casa dei propri sogni si tende a far riferimento al colore delle pareti, ai mobili che vorremmo possedere, raramente agli elementi prettamente costitutivi come le finestre, ad esempio.
Tuttavia ad oggi non vanno più considerate come semplici elementi di chiusura, ma una bella finestra non fa che risaltare lo stile della casa valorizzandola.
Le finestre rappresentano il nostro sguardo sul mondo esterno, lo sguardo che gettiamo dal nostro porto sicuro e ritengo sia giusto conferire loro la giusta particolarità anche perché esse sono anche la fonte di luce per i nostri ambienti interni.

La differenza che risiede nei dettagli

Le scelte di design si traducono spesso nella scelta di materiali eleganti ma allo stesso tempo resistenti, che richiedano poca manutenzione e che durino nel tempo, ciò è possibile, ad esempio, attraverso finiture robuste.
I macchinari e le tecnologie più recenti consentono di rifinire superfici complesse con precisione e allo stesso tempo utilizzare materiali diversi, un esempio può essere dato da quelli realizzati da AeP Infissi, un’agenzia che si occupa di infissi in PVC a Roma.
Il compito di chi li realizza, ad oggi, è quello di migliorare costantemente l’estetica di questi oggetti che spesso sono i più durevoli della casa e che devono adattarsi ad ogni cambiamento che intendiamo apportare al fine di mantenere l’armonia della casa.

Le maniglie

Questi accessori fanno parte di quelli che è meglio scegliere per la propria casa in base tanto ai propri gusti ed in linea con lo stile dell’intera abitazione.
Anche se in molti lo ignorano anche in questo caso esistono molti designer che creano costantemente nuove forme e linee aerodinamiche adatte agli infissi più moderni ma anche a quelli più antichi, con lo scopo di unire bellezza e qualità.
I modelli possono variare notevolmente e sono dotati di  meccanismi brevettati in relazione alla sicurezza e che fungono da anti scasso. Anch’esse possono essere realizzate con diversi materiali, i più utilizzati ed apprezzati sono: l’ottone, l’acciaio, l’alluminio e più raramente in porcellana e resina colorata.
Naturalmente anche in questo caso la vostra è una libera scelta, ma sappiate che non esistono più le classiche e banali maniglie ma che al contrario potrete divertirvi a sceglierne un modello in grado di attirare l’attenzione altrui.

La pubblicità sulle buste dello shopping

La pubblicità semplice rappresenta una delle migliori strategie che possono essere adottate e che permettono di ottenere un grande ritorno sul fronte dell'investimento, che sarà sicuro. Ecco come rendere possibile questo insieme di operazioni sfruttando le shopper personalizzate.

Le shopper come strumento di marketing

Il marketing visuale rappresenta un tipo di strategia che, se ben impostato, rappresenta un metodo sicuro che permette di conseguire un risultato finale di prima qualità. Le shopper sono uno strumento molto facile da sfruttare e che riescono a garantire l'occasione di conquistare i propri clienti. Inserire nella busta il proprio brand permette di farsi conoscere con maggior semplicità, visto che le shopper realizzate con materiali resistenti verranno adoperate con maggior frequenza rispetto quelle classiche. Il fattore della fantasia è un elemento extra che riesce a rendere l'investimento perfetto sotto ogni ottica: scegliere come impostare la propria shopper e fare in modo che questa abbia tutti i dettagli presenti nella stessa, utili per darle quel tocco di classe e originalità, rappresenta un criterio fondamentale che, se ben sfruttato, permette di raggiungere tutti i propri obiettivi in modo semplice senza dover faticare parecchio.

Se quindi si vuole avere l'occasione di conquistare il proprio target e il proprio scopo è quello di farsi conoscere in maniera ottimale senza dover ricorrere ad altre strategie, adoperare la shopper è la via migliore grazio che la stessa permetterà, senza grosse difficoltà di avere l'occasione di investire in uno strumento che viene utilizzato di frequente e con grande semplicità senza dover studiare metodologie lunghe e complesse da adottare.

La ditta che si occupa della personalizzazione delle shopper

Le shopper possono essere personalizzate come meglio si vuole sfruttando la professionalità e i diversi servizi di Atomoplast. Questa impresa, infatti, è specializzata nella realizzazione di buste studiate su misura e soprattutto faranno in modo che sia possibile avere l'occasione di puntare sul fattore originalità. Lo staff si occupa di analizzare tutte le vostre domande e fare in modo che queste possano avere l'occasione di essere rappresentate in maniera attenta e precisa, senza alcuna perdita di tempo.

Se quindi si vuole avere l'occasione di conquistare il proprio target, sfruttare questo tipo di impresa è un tipo di scelta che garantisce il miglior tipo di successo possibile senza alcuna perdita di tempo. Sarà quindi possibile avere l'occasione di rendere ogni tipo di shopper unica sia per quanto riguarda i materiali che la grafica, facendo in modo che si possa essere sicuri del fatto che la stessa shopper possa essere realmente perfetta.

Inoltre sul sito www.atomoplast.it troverete dei consigli pratici che riescono a rispecchiare tutte le vostre esigenze ulteriori, offrendovi la possibilità di evitare che la stessa shopper possa essere meno piacevole da vedere rispetto al previsto, offrendovi quindi l'occasione anche di avere un ritorno dell'investimento che sarà in grado di pareggiare la somma di denaro investita nella busta, nonché di farvi conseguire un utile.

Il cane Bolognese: una razza da scoprire

Il Bolognese, appartenente ad una delle sedici razze autoctone italiane riconosciute dall'ENCI, è un cagnolino che insieme al Maltese fa parte del gruppo dei "Bichon", grande famiglia di esemplari di piccola taglia a pelo lungo così denominati dai francesi.
Secondo la classificazione dell'ENCI, è nel gruppo 9, cani da compagnia.
La sua caratteristica principale è rappresentata dal mantello, costituito da un lungo pelo meraviglioso di colore bianco candido, che richiede attente cure per potersi mantenere in tutta la sua bellezza.

Origini del cane Bolognese

Si tratta di una delle più antiche razze italiane, di cui si ha traccia già nel 500 a.C. quando, secondo la leggenda, accompagnava greci e fenici nei loro lunghi viaggi per mare; vi sono testimonianze della sua presenza anche presso le matrone romane che ne apprezzavano l'aspetto dolce.
Soltanto intorno al 1200 incominciò a diffondersi presso i salotti dei nobili, nelle corti e nei palazzi, diventando ben presto il beniamino dei ricchi signori del tempo. Giunto fino alla corte del Re Sole, venne successivamente portato anche in Russia, dove tuttora è abbastanza diffuso.
Dopo un periodo piuttosto critico durante la seconda guerra mondiale, quando ha rischiato di estinguersi, attualmente il Bolognese è un esemplare molto amato dal pubblico di cinofili e non soltanto.

Caratteristiche fisiche del cane Bolognese

Di taglia medio-piccola, il Bolognese si caratterizza per l'espressione dolce e tenera e per il mantello candido e leggermente riccioluto; ha una costituzione di tipo brevilineo, con torace arrotondato e tronco compatto; gli arti sono molto delicati e facilmente possono subire lussazioni, per cui è necessario non sforzarli in alcun modo.
Il capo è di media grandezza, rivestito di folto pelo che spesso copre anche gli occhi, di colore scurissimo, che spiccano sul candido manto peloso. Le orecchie di dimensioni piuttosto contenute si presentano inserite sulla sommità del cranio.
Il tartufo è molto evidente e di colore scuro. Il suo manto è costituito da un pelo fittissimo, lungo e ben sollevato, con increspature uniformi su tutto il corpo, ma mai con frange, che non rientrano negli standard della razza.

Indole e carattere del cane Bolognese

Si tratta di un animale molto docile, affettuoso e dall'indole dolce e remissiva, particolarmente adatto per la vita in famiglia, anche in presenza di bambini con cui ama moltissimo giocare.
Allegro e vivace, non deve per questo essere considerato soltanto come cane da salotto dato che, essendo dotato di spiccata intelligenza, desidera fare nuove esperienze e partecipare attivamente alla vita del proprietario e della sua famiglia.
Teme la solitudine e, se abbandonato a sé stesso, tende a deprimersi, perdendo quella vivacità ed allegria che lo caratterizzano; per questo motivo viene catalogato come cane da compagnia.
Essendo molto compiacente e desideroso di assecondare il suo amico umano, è facilmente addestrabile e può dare grandi soddisfazioni al proprietario.

Salute e benessere del cane Bolognese

Essendo piuttosto delicato di salute, questo cane richiede particolari cure soprattutto durante i mesi freddi quando è assolutamente sconsigliato farlo dormire all'aperto. La sua alimentazione deve essere molto varia ed equilibrata, ricca di alimenti proteici di facile assimilazione per non affaticare l'apparato digerente e per garantirgli un corretto apporto calorico.
È necessario assecondare i suoi gusti in quanto è un cane piuttosto difficile in ambito nutrizionistico e, se non gradisce determinati alimenti, può facilmente rifiutarsi di mangiare.
Questa razza non è soggetta a particolari patologie, a parte alcuni disturbi di natura osteo-articolare soprattutto per gli arti posteriori, e pertanto è consigliabile integrare la sua dieta con prodotti specifici per le articolazioni che ne supportano la funzionalità.

 

 

Agile Alliance annuncia la call per gli speaker per Agile2019

PORTLAND, Oregon, 4 dicembre 2018 /PRNewswire/ — Agile Alliance invita i leader dello sviluppo Agile a rispondere alla call per Agile2019, Si tratta della conferenza annuale di Agile Alliance che cattura l”interesse di chi si occupa di Agile, di accademie, aziende, e degli appartenenti alla comunità fornitori-partner in tutto il mondo. L”evento di quest”anno si svolgerà dal 5 al 9 agosto a Washington, D.C.

‘La conferenza Agile2019 rappresenta un”opportunità unica per condividere il proprio sapere, la propria competenza ed esperienza con la comunità internazionale Agile,’ ha dichiarato Christina Hartikainen, presidente della conferenza Agile2019. ‘Lo scorso anno vi hanno partecipato circa 2.400 quadri esecutivi, manager, sviluppatori software e ricercatori da oltre 40 Paesi, che sono intervenuti per ascoltare esperti di fama, autori, innovatori e utilizzatori che hanno messo a disposizione le loro visioni uniche in più di 270 sessioni. La competizione per poter parlare a questo evento è molto intensa. Incoraggio chi utilizza il metodo Agile, e che abbia una storia da raccontare a inviarcela per tempo.’

Gli speaker per la conferenza vengono selezionati attraverso un processo completo di esame da pari. Il sistema per le presentazioni per Agile2019 rimarrà aperto fino al 26 gennaio 2019.

I presentatori potenziali sono incoraggiati a riesaminare con attenzione i 18 percorsi delle conferenze che accettano i lavori e a inviare proposte per il percorso che più si avvicina agli argomenti che desiderano proporre. I percorsi affrontano tutti gli aspetti dello sviluppo Agile, dai suggerimenti per iniziare con team di piccole dimensioni alle strategie avanzate di impresa basate su anni di esperienza.

Nel 2019 ritorna il percorso Agile in Government, che affronta come i team stanno operando per poter far funziona il modello Agile negli ambienti statali oltre all”evoluzione e al progresso dell”Agile in tale contesto.

Un nuovo percorso, Self-Care (Cura personale), mette a disposizione strategie e informazioni dettagliate per chi si occupa di Agile per garantire che si conservino in buona salute e positivi in tutto quello che fanno nel corso della conferenza e nel loro ambiente di lavoro quotidiano.

Nel suo diciottesimo anno, la conferenza globale di Agile Alliance è la conferenza non commerciale internazionale di maggiore rilievo sui metodi Agile per lo sviluppo software. Alla base di ogni Conferenza Agile ci sono le connessioni e le condivisioni. I partecipanti si riuniscono da tutto il mondo, e molti ritornano anno dopo anno, per incontrare altri partecipanti e i leader più rappresentativi dello spazio Agile. I rapporti che vengono costruiti, il supporto che viene ricevuto e le conoscenze acquisite creano un”esperienza che arricchisce e che dura nel tempo per promuovere il successo individuale e il progresso collettivo del settore. Le conferenze sono aperte e coinvolgenti, promuovono idee innovative a partire dalle applicazioni Agile nel mondo reale. Per inviare una proposta per una sessione, fare clic qui.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito web della conferenza.

Informazioni su Agile Alliance

Agile Alliance e un”organizzazione no-profit che si occupa di promuovere i concetti dello sviluppo software Agile così come indicati nel Manifesto Agile. Con oltre 47.000 soci e iscritti nel mondo, Agile Alliance è guidata dai principi dei metodi Agile e dal valore messo a disposizione di sviluppatori, organizzazione e utenti finali. Agile Alliance organizza e sostiene eventi per riunire la comunità Agile su scala mondiale. La Conferenza Agile2019 si terrà dal 5 al 9 agosto a Washington, D.C.

Contatto organi di stampa:

Pam Hughes 
Responsabile Marketing, Agile Alliance

Logo – https://mma.prnewswire.com/media/161703/agile_alliance_logo.jpg

Questo evento di grande importanza per il settore ha aperto l”accettazione delle proposte per le sessioni per coloro che vogliono presentare idee, esperienza e buone prassi per lo sviluppo di software Agile.

Adjust annuncia l’acquisizione di Acquired.io

Il leader mondiale del mobile measurement e fraud prevention innalza il livello del Multi-Channel Campaign Management

Adjust, leader di settore nell”attribuzione mobile e nei sistemi di fraud prevention, ha appena firmato l”acquisizione della principale piattaforma di aggregazione dati Acquired.io. La soluzione SaaS consente di automatizzare e semplificare la gestione di tutti i canali di acquisizione utenti.

     (Logo: https://mma.prnewswire.com/media/793068/Adjust_Logo.jpg )

     (Photo: https://mma.prnewswire.com/media/793067/Adjust_Acquired_io_Acquisition.jpg )
 

Fondata a San Francisco nel 2016 da Andrey Kazakov e Max Gannutin, la soluzione SaaS di Acquired.io automatizza la gestione delle campagne su diversi canali di distribuzione, riducendo significativamente i flussi di lavoro ripetitivi, consentendo quindi al team di concentrarsi su ciò che conta davvero: l”ottimizzazione delle campagne per aumentare il ROI.

‘Oltre  a creare nuove sinergie tecnologie e un aumentare la base utenti, questa acquisizione  permettera” ai nostri clienti di aumentare il proprio giro d”affari e lasciare il segno sui mercati’, ha affermato Christian Henschel, co-founder e CEO di Adjust.

Dal 2015, il numero di canali di user acquisition è aumentato da 700 fino a oltre 1500 e gli user acquisition managers devono quindi gestire decine di campagne e canali contemporaneamente. Per ciascun canale sono necessarie varie operazioni manuali e ripetitive, che verranno finalmente automatizzate grazie alla piattaforma di aggregazione di Acquired.io.

Al giorno d”oggi, i mobile marketing managers utilizzano molteplici dashboard per poter avere una visione completa della propria attività. La parte più difficile è unire tutti i dati per analizzarli e prendere poi decisioni in base ad essi, procedura che, oltre ad essere costosa, complicata e ripetitiva, richiede anche molto tempo, ha aggiunto Henschel. La tecnologia e il team di sviluppatori altamente qualificati di Acquired.io si uniranno al tech team di Adjust che arriverà a contare più di 100 professionisti.

Adjust finanzia l”acquisizione di Acquired.io con il ricavato del proprio guadagno degli anni passati e prevede ulteriori investimenti futuri per integrare pienamente la tecnologia di Acquired.io nella piattaforma di mobile measurement di Adjust. Il prodotto completo sarà disponibile nella seconda metà del 2019.

‘La decisione di accettare l”offerta di Adjust è stata determinata da molti fattori, tra cui le richieste dei clienti e la scelta di collaborare con un partner per garantire una serie di prodotti più completa e competitiva sul mercato’, ha commentato Andrey Kazakov, cofondatore e CEO di Acquired.io. ‘Adjust offre la soluzione più completa ed avanzata per il mobile measurement a livello mondiale e siamo orgogliosi di entrare a far parte di questa azienda in rapida crescita’.

Questa acquisizione segue la scia dell”espansione sul mercato di Adjust in India quest”estate e in Cina lo scorso anno. Inoltre consolida l”importanza di Adjust a livello globale, estendendo l”obiettivo di unificare le attività di marketing degli advertisers e offrire le migliori soluzioni sul mercato a tutti i suoi clienti internazionali. Attualmente, Adjust ha 15 uffici in tutto il mondo. Dal 2013, l”azienda ha più che raddoppiato i propri ricavi ogni due anni ed è arrivata a contare 300 dipendenti senza perdere in redditività.

Informazioni su Adjust 

Adjust è leader di settore del mobile measurement e fraud prevention. L”azienda opera a livello globale e fornisce agli specialisti del mobile marketing eccellenti analisi sulle campagne e soluzioni per prevenire frodi, permettendo loro di prendere le giuste decisioni in poco tempo. Adjust è marketing partner delle principali piattaforme, tra cui Facebook, Google, Snapchat, Twitter, Line e WeChat. In totale, sono più di 25.000 le app che hanno implementato le soluzioni di Adjust per migliorare le proprie performance. Fondata nel 2012, oggi Adjust ha uffici a Berlino, New York, San Francisco, San Paolo, Parigi, Londra, Mosca, Istanbul, Seoul, Shanghai, Pechino, Tokyo, Mumbai e Singapore.

Adjust è l”unica azienda che si occupa di mobile attribution che riesce a rispettare i severi standard per la privacy dell”UE ed è pienamente conforme alla GDPR. Per saperne di più, gli interessati possono visitare il sito http://www.adjust.com.

Informazioni su Acquired.io 

Acquired.io è un ‘centro di controllo’ per i canali di user acquisition nell”ambito delle mobile Apps, grazie al quale gli advertisers possono intraprendere azioni basate sui dati in un un”unica piattaforma. L”azienda fornisce ai marketing team un”unica dashboard per gestire tutti i loro canali, allocare budget, creare regole per prendere decisioni automatizzate e molto altro ancora. Il prodotto semplifica le attività quotidiane del mobile marketing team riducendo il lavoro manuale per incrementare la redditività. L”azienda è stata fondata da Andrey Kazakov e Max Gannutin, (fondatori di AppScotch che è stata acquisita da App Annie). Acquired.io ha sede a Foster City, California. Per ulteriori informazioni, visitare http://www.acquired.io

 

Contatti:
Lennart Dannenberg
Responsabile PR di Adjust
E-mail: lennart@adjust.com o pr@adjust.com
Telefono: +49-162-248-3472

SAN FRANCISCO e BERLINO, December 4, 2018 /PRNewswire/ —

La razza del cane corso dall’antichità fino ai giorni nostri

Il cane corso è un animale vigoroso, riconoscibile dalla forte muscolatura e dalla linea elegante. Nel suo albero genealogico può vantare illustri antenati, come gli antichi molossi italiani le cui origini risalgono all'Impero romano. L'etimologia di questa razza è particolarmente controversa: il nome "corso" può derivare dalla parola "cohors" che significa "guardia" oppure "protettore". Altre diciture fanno risalire il nome alla parola greca "kortos" che significa "cortile", quindi l'origine si riconduce perfettamente al ruolo di cane da guardia del recinto della proprietà e della casa. Inoltre, la radice riporta alla Magna Grecia, luogo nativo dei molossi italiani.
Altre ipotesi collegano la parola "corso" agli aggettivi forte, maestoso: questo è accertato sia da alcuni termini celtico-provenzali che da altre espressioni dialettali dell'Italia meridionale. È indubbio che, da quando si è sviluppata e consolidata la lingua italiana, il cane molosso è sempre stato chiamato con il suo nome attuale: dal termine "corso" deriva anche "corsiero", il prode destriero dei cavalieri, utilizzato nelle battaglie nel Medio Evo. In sintesi, il nome caratterizza perfettamente un animale robusto, fiero, armonico ed elegante.

Un corpo compatto e snello, potente e vigoroso

Il cane corso mantiene la classica corporatura di un molosso italiano di taglia medio/grande, con un fisico ben sviluppato e muscoloso, pure mantenendo leggerezza e compattezza. La testa è importante ma armoniosa e ben proporzionata con il resto del corpo, la mascella è forte, lo sguardo fiero e mai infido. Il peso si aggira tra i 45/50 chili negli esemplari maschi, per poi diminuire sui 40/45 nelle femmine; l'altezza varia da un minimo di 60 cm fino ad un massimo di 68, a seconda del sesso dell'animale.
Un'altra caratteristica riconoscibile del corso è il manto, lucido e robusto, molto fitto e completamente impermeabile. Il pelo è corto e folto, con uno strato più profondo che diventa più spesso durante la stagione invernale, in modo da proteggere l'animale contro le basse temperature.
Gli allevatori non hanno mai voluto privilegiare il mantenimento di un colore rispetto ad un altro e per questo si possono trovare in natura esemplari di cane corso dal mantello variegato. Le tinte principali sono il nero (che nel periodo della muta si trasforma in un bellissimo cioccolato fondente), il grigio cenere (preferito da porcari e bovari), il tigrato e il frumentino (utilizzato soprattutto per la caccia al cinghiale).
Il corso ha un carattere forte, non ama le smancerie ma sa essere affettuoso, docile e mansueto, dedito al suo padrone con cui instaura un legame di stima ed affetto. Sa essere particolarmente delicato con i bambini, consapevole della sua sforza. Ha un'andatura elegante, con passi rapidi al trotto che sanno raggiungere quelli più sostenuti del galoppo.

Sempre a fianco dell'uomo dal passato ad oggi

Questa razza accompagna l'attività dell'uomo da secoli, grazie al suo impiego per svariati ruoli. Se gli antichi romani lo utilizzavano per la funzione bellica e per quella ludica all'interno delle arene, nel tempo il corso è diventato un fedele aiutante dell'uomo nell'approvvigionamento e nella difesa della casa e dei campi. Da sempre è impiegato nella caccia alla selvaggina più pericolosa e pesante, come il cinghiale che doveva venire bloccato prima del colpo finale inflitto dall'arma da fuoco.
Il corso nel passato era utilizzato anche per la caccia al tasso, un animale molto apprezzato sia per la carne che per la pelliccia ma anche per il grasso, con cui si realizzavano degli unguenti per la pelle. Questa razza canina veniva impiegata per proteggere il gregge e le coltivazioni da animali pericolosi come lupi e orsi. Infine, il corso aveva un ruolo di rilievo durante le operazioni belliche, veniva bardato e utilizzato per impaurire i cavalli, a difesa delle fortificazioni, contro i briganti.

È giunto il momento di provare Kavalan con Distillery Select

L”Amministratore Delegato di Kavalan, YT Lee ha dichiarato che il nuovo ‘Distillery Select di Kavalan’ da 700 ml che è stato presentato, rientra in una buona fascia di prezzo ed è stato invecchiato in alcune delle migliori botti di secondo passaggio nel clima di Yilan, creando una goccia elegantemente bilanciata dalle note di caramella mou e frutta vivace.

I gusti di frutta di Kavalan che si distinguono sono mela verde, mango, ananas e ciliegia.

Ian Chang, Maestro Miscelatore e Ambasciatore del Marchio a livello mondiale ha affermato che le persone possono fare affidamento sulla coerente qualità di Kavalan.

‘Kavalan è conosciuto per la qualità, perché questo è il nostro obiettivo. Ed ora, con Distillery Select, possiamo offrire alle persone qualità a buon prezzo,’ ha dichiarato.

Kim, Manager del marchio Lead off Japan, distributore giapponese ha affermato: ‘Distillery Select di Kavalan è un prodotto di alta qualità e il prezzo è molto inferiore al suo valore.’

Thierry Benitah, Amministratore Delegato di La Maison du Whisky, distributore europeo ha dichiarato che Distillery Select ‘riesce a esprimere Kavalan al meglio.’

‘Morbido ed elegante al naso e molto fruttato,’ ha continuato. ‘Ricco e complesso al gusto con note di vaniglia e caramella mou. Non solo un magnifico whisky da sorseggiare, ma anche un single malt mescolabile unico.’

Il Presidente e Amministratore Delegato di Hotaling & Co., distributore per gli Stati Uniti, Dennis Carr ha affermato: ‘Distillery Select di Kavalan incontra la richiesta per un Kavalan che soddisfi sia i puristi del single malt che lo preferiscono liscio o con ghiaccio, sia gli amanti di cocktail.’

‘In meno di un decennio di produzione di whisky, la distilleria di Taiwan ha ricevuto riconoscimenti da tutto il mondo e vanta ora, dopo questo nuovo stile, 23 varietà’ ha dichiarato.

Informazioni su Kavalan Whisky

La distilleria Kavalan della Yilan County è pioniera nell”arte del whisky single malt a Taiwan dal 2005. Il nostro whisky, invecchiato in ambiente con elevata umidità e calore, trae beneficio dall”acqua della sorgente delle Snow Mountain ed è arricchito dalle fresche brezze marine e della montagna. Tutti questi elementi si uniscono per creare la tipica cremosità di Kavalan. Prendendo il vecchio nome della Yilan County, la nostra distilleria ha alle spalle 40 anni di lavoro nella produzione di bevande grazie alla società madre King Car Group. Abbiamo collezionato più di 280 premi d”oro o superiori nei concorsi più competitivi del settore, e siamo commercializzati in più di 70 paesi. Visitare il sito www.kavalanwhisky.com

Contatto organi di stampa:

Kellie Du
886-3922-9000 #7165
kellie@kingcar.com.tw

Foto – https://mma.prnewswire.com/media/789279/Kvavalan_Distillery_select.jpg 

TAIPEI, Taiwan, 28 novembre, 2018 /PRNewswire/ — Gli estimatori potranno ora acquistare il pluripremiato whisky della distilleria taiwanese Kavalan, al prezzo di vendita consigliato di 59 dollari per il 43% ABV negli Stati Uniti e di 49 euro per il 40% ABV in tutta Europa.

Gestione integrata dei rifiuti, perché fare un corso

Gestione integrata dei rifiuti, perché fare un corso

La gestione integrata dei rifiuti, oggi, è una materia molto complessa e strutturata e necessita, quindi, di figure altamente specializzate nel settore, in grado di organizzare, pianificare e gestire tutti gli aspetti della raccolta, del trattamento e dello smaltimento dei rifiuti prodotti, da quello economico finanziario fino a quello gestionale e sociale. Per questo, per essere un buon tecnico della gestione rifiuti occorre seguire un corso sui rifiuti, come quello di Nova Ecologica, che dia tutte le competenze necessarie per lavorare in questo campo. Vediamo assieme come funziona un corso sui rifiuti.

Le competenze di un manager della gestione dei rifiuti

Entriamo più nel dettaglio delle competenze del manager della gestione integrata dei rifiuti. Questo professionista deve disporre di notevoli competenze sociali, ma anche tecniche-progettuali ed economiche, ma anche, infine, amministrative e organizzative. Questa figura, non solo si prende cura della progettazione della raccolta dei rifiuti e predispone analisi economiche, ma individua anche eventuali azioni per una maggiore sensibilizzazione degli utenti, così come si relaziona con chi riceve i materiali raccolti, stipulando eventuali convenzioni e individuando i soggetti più adatti a trattare specifici materiali. Inoltre, l’esperto della gestione rifiuti è pronto per relazionarsi con i fornitori.

Esperto dei rifiuti, quanto guadagna

Veniamo ora al trattamento economico di questa figura, in genere a una prima assunzione si parte da 1.000 euro al mese per poi aumentare gradualmente. Un manager della gestione dei rifiuti può guadagnare fino a 3.000 o 4.000 euro al mese a livello dirigenziale dopo almeno un triennio di attività. Soddisfazioni economiche importanti, quindi, per una figura molto ricercata e apprezzata dalla società di oggi, sia in Italia che nel resto del mondo.

Le materie di un corso sui rifiuti

Ma cosa si studia, esattamente, in un corso sui rifiuti? Trattandosi di una figura professionale della green economy, la formazione può essere variegata e stratificata anche a seconda della tipologia di gestione integrata. Diverse quindi sono le strade che si possono intraprendere. Dopo un diploma, tecnico, scientifico e umanistico che sia, un corso specialistico è un’opzione utile, sia immediatamente dopo il diploma che dopo una laurea. Ovviamente un laureato, magari in ingegneria o in una materia gestionale, avrà maggiori competenze per padroneggiare gli aspetti tecnici di questa materia. In un corso specialistico, poi, si affronteranno tutti gli aspetti della gestione sistemica dei rifiuti, elementi contabili e finanziari, aspetti giuridici sulle normative vigenti.

Supermicro offre prestazioni massime per favorire l’innovazione in una vasta gamma di applicazioni HPC

DALLAS, 13 novembre 2018 /PRNewswire/ — Super Micro Computer, Inc. (SMCI), azienda leader globale per le soluzioni informatiche aziendali, per lo storage, il collegamento in rete e per soluzioni tecnologiche rispettose dell”ambiente, ha presentato oggi una scelta vastissima per il  settore di nuovi sistemi di calcolo a prestazioni elevate (HPC) al SuperComputing 2018 (SC18), nel Kay Bailey Hutchison Convention Center dal 13 al 15 novembre. Supermicro ospita inoltre diverse sessioni con oratori ogni giorno nel suo stand n. 3006 tra cui rappresentanti di Intel, NVIDIA, e AMD. Per il programma dettagliato e altre informazioni su Supermicro a SC18, visitare https://www.supermicro.com/SC18.

‘In qualità di azienda di soluzioni hardware, stiamo investendo molto nelle nostre soluzioni per server a risparmio delle risorse, GPU e soluzioni di storage, incluso lo sviluppo di chassis, alimentatori, ventole e altri sottosistemi dal ciclo di vita di 10 anni, per aiutare i clienti finali a risparmiare sia i costi energetici che i costi di acquisizione hardware con riduzione degli sprechi IT,’ ha dichiarato Charles Liang, Presidente e Amministratore Delegato di Supermicro. ‘Il risparmio delle risorse è misurato tramite TCE (Total Cost to the Environment) che è la combinazione dell”offerta di un TCO superiore per gli investimenti dei datacenter riducendo allo stesso tempo gli impatti ambientali di tali datacenter. Inoltre, con la continua innovazione tecnologica di Supermicro e la leadership per time-to-market (TTM – tempi per l”ingresso nel mercato), le nostre soluzioni di livello petabyte di tipo 1U NVMe stanno aumentando di volume per offrire ai clienti un vantaggio competitivo significativo oggi.’

La nuova linea di server di storage di livello petabyte di tipo 1U all-flash NVMe™ (Non-Volatile Memory Express) offre la maggiore efficienza energetica e tecnologia flash di prossima generazione con la più elevata densità di storage e le migliori prestazioni IOPS. Grazie ai sistemi che supportano SSD dal fattore di forma U.2, Intel Ruler, Samsung NF1, e EDSFF, Supermicro offre una flessibilità senza precedenti e la scelta di applicazioni di storage di rete a capacità elevata che richiedono le migliori prestazioni in termini di latenza e offrono vantaggi nel rapporto tra tempo reale e valore per gli utenti con carichi di lavoro HPC e uso intensivo di dati.

La complessità delle applicazioni HPC continua a crescere in conseguenza dei nuovi traguardi raggiunti in campo scientifico. Il nuovo SuperServer basato su NVIDIA® HGX-2 di Supermicro, 9029GP-TNVRT, supporta 16 GPU NVIDIA Tesla® V100 Tensore Core da 32GB collegate tramite NVIDIA NVLink e NVSwitch per sfruttare oltre 80.000 CUDA core e offrire prestazioni uniche per accelerare AI e HPC in locale e nel cloud. Questo nuovo sistema può offrire fino a 2 PetaFLOPS di prestazioni e occupa appena dieci unità di spazio rack.

Per aiutare a semplificare l”implementazione delle applicazioni AI e HCP nel datacenter, SuperServer 4029GP-TVRT è pronto per NGC. I clienti possono ora eseguire software accelerato da GPU dal registro container, inclusa la libreria software HPC e AI ampliata con i nuovi container machine learning e di analisi in modo sicuro nel 4029GP-TVRT, un sistema 4U con otto GPU Tesla V100 con NVIDIA NVLink.’

Progettato per gestire i carichi di lavoro inferenziali più impegnativi, il nuovo SuperServer 6049GP-TRT di Supermicro offre le prestazioni superiori richieste dall”AI moderno. Questo sistema 4U raggiunge la massima densità GPU e prestazioni grazie al supporto fino a 20 GPU NVIDIA Tesla T4 con tecnologia Turing Tensor Core, tre terabyte di memoria, e 24 unità sostituibili a caldo da 8,9 cm. Il sistema dispone inoltre di quattro alimentatori ridondanti con efficienza a livello titanio da 2000 watt (2+2) per offrire livelli di efficienza energetica, attività e manutenzione ottimali.

Grazie all”offerta di prestazioni ed efficienza massime in un design 2U a 4 nodi, il sistema Supermicro BigTwin™ supporta la gamma completa di processori scalabili Intel® Xeon®, 24 DIMM, fino a 6 vani disco sostituibili a caldo all-flash NVMe o NVMe/SAS3 ibridi, e fino a tre slot PCI-E 3.0 incluso il supporto per un modulo SIOM flessibile che offre opzioni di rete 100/40/25/10/1G per nodo. Per garantire affidabilità e ridondanza sono disponibili di serie alimentatori digitali ridondanti di livello titanio da 2600W/2200W (96%+). Supermicro offre inoltre una linea di sistemi BigTwin che supporta la gamma completa di processori AMD EPYC™ serie 7000 tra cui il modello all-flash NVMe.

Supermicro presenterà un vasto portafoglio di piattaforme in occasione di SC18 in cui viene presentata la tecnologia per il Risparmio delle Risorse e per la gestione di una vasta gamma di carichi di lavoro. Il nuovo SuperBlade® disaggregato libera dalla interdipendenza tra la maggior parte dei sottosistemi server consentendo l”aggiornamento indipendente di CPU, memoria, I/O, telai, storage, alimentazione e raffreddamento. Ora ciascun componente può essere aggiornato in tempo ottimale per ottenere il massimo dai miglioramenti generazionali nelle prestazioni e nell”efficienza. SuperBlade® offre prestazioni massime fino a 495 TFLOPS per rack, densità elevata con venti o dieci server blade basati su processore Intel® Xeon® scalabile a 2 socket o 4 socket per alloggiamento di tipo 8U, interconnessioni rapide con 100G EDR InfiniBand integrato, switch 100G Omni-Path o 25G, e supporto fino a 14 dispositivi NVMe per nodo. Per affidabilità ed efficienza energetica ottimali, SuperBlade® supporta alimentatori digitali ridondanti di livello titanio da 2200 watt (96%+), alimentatori CC da 2000 watt, e moduli BBP da 1200 watt (Alimentazione con batteria di backup).

Seguite Supermicro su Facebook e Twitter per ricevere le notizie e gli annunci più recenti.

Informazioni su Super Micro Computer, Inc. (SMCI)
Supermicro®, innovatore leader di tecnologie di server ad alta efficienza e a prestazioni elevate è un fornitore primario di server avanzati Building Block Solutions® per centri dati, Cloud Computing, infrastrutture IT di grandi aziende, Hadoop/Big Data, HPC e sistemi integrati in tutto il mondo. Supermicro è impegnata nel rispetto dell”ambiente con l”iniziativa ‘We Keep IT Green®’ fornendo ai clienti le soluzioni più efficienti dal punto di vista energetico ed ecologiche disponibili sul mercato.

Supermicro, BigTwin, SuperBlade, Server Building Block Solutions e We Keep IT Green sono marchi commerciali e/o marchi commerciali registrati di Super Micro Computer, Inc.

Tutti gli altri marchi, nomi, marchi commerciali sono di proprietà dei rispettivi proprietari.

Contatto organi di stampa
Michael Kalodrich
Super Micro Computer, Inc.
PR@supermicro.com 

SMCI-F

 

 

La più ampia scelta di sistemi HPC del settore presente a SC18 include BigTwin™ SuperBlade® di tipo All-Flash NVME di livello petabyte, e sistemi GPU per AI e apprendimento profondo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi