Paolo Lombardi: SWSS, un network e un cambiamento che vengono dal basso

News dal:

Che Futuro! » Startup Italia:

Paolo Lombardi: SWSS, un network e un cambiamento che vengono dal basso

Il potere innovatore di un cambio di paradigma può raggiungere degli effetti di leva incredibili. Ed un cambio di paradigma sta per avvenire nella scena startup mondiale grazie a Startup Weekend ed al network globale che sta creando. Un network e un cambiamento che vengono dal basso.

Tra il 16 e il 18 marzo sono stato a Rio de Janeiro al raduno mondiale degli organizzatori di Startup Weekend (SW), il SoSummit. C’era Eli del Togo, che studia e vive a Casablanca, e Mohsen di Teheran, che ha organizzato due SW nel giro di un mese nella capitale iraniana, e Kristjan dall’Islanda che ne organizza otto all’anno a Rejkiavik, e Alice che opera a San Francisco ma è parigina, e Susan dall’Ohio, Kyal dal Texas,

E poi, ancora: Kayleen dall’Oregon, Justinas dalla Lituania, Roberto da Brasilia, Eric da Berlino, David dall’Australia, Volker da Taiwan, Khinzo dal Giappone, e poi gente dalla Tanzania, dal Ghana, dalla Bolivia, dal Canada, dalla Grecia, dalla Polonia, dal Portogallo, dalla Slovacchia, eccetera eccetera. Ed io, dall’Italia, il solo.

Saremmo stati 250, forse 300, ad applaudire Dave McClure di 500 Startups che tesseva lodi e critiche sul formato dello Startup Weekend (oltre a condire di “f***ing s**ks” la descrizioni della rete wifi tipica di questi eventi); forse altrettanti il giorno dopo ad ascoltare Brad Feld di TechStars discutere gli elementi essenziali di una comunità di startup.

Eppure l’atmosfera che si respirava non era quella della classica kermesse internazionale – atmosfera che avrei poi trovato invece il 18 e il 19 al Global Entrepreneurship Congress. Nel SoSummit di SW sembrava di stare a casa di amici, sembrava che ci si conoscesse tutti da tempo, eppure quasi nessuno si conosceva da più di 24 o 48 ore.

Ciò che sta creando SW è un network di ‘amici’ che sono al centro di comunità dell’innovazione locali sparse per il mondo. E in più sono in gran parte giovani, quasi tutti sotto i quarant’anni.

E’ un oggetto nuovo, una rete costituita da persone che tra 10 anni avranno raggiunto posizioni importanti nelle loro comunità, ma si saranno conosciute molto tempo prima di raggiungere quelle posizioni.

Che è cosa ben diversa da un gruppo di capi di stato o di dirigenti di enti locali preposti all’innovazione, giunti a conoscersi dopo aver seguito ognuno la propria carriera nel proprio Paese. Non c’è lo stesso spirito di appartenenza ad un solo corpo, ad una stessa avventura – globale, inedita, innovativa, dedicata allo sviluppo culturale dei settori economici della società – che si prova come ‘organizzatore’ di SW.

Il punto vero è che quella degli organizzatori di SW è essa stessa una ‘comunità’, intesa come organizzazione umana creata per essere fruita dagli stessi partecipanti. In quanto tale contiene in sé leve motivazionali ben superiori a quelle dei network per l’innovazione che abbiamo visto fino ad oggi.

Forse sarà questa comunità, insieme ad altre, a favorire la nascita di un network globale dell’innovazione, una ‘Silicon Valley estesa’, che lavori attraverso canali più “spontanei” e meno ‘indotti’ da collaborazioni ufficiali tra istituzioni e governi e che abbassi le barriere di comunicazione tra innovatori di mondi diversi (geografici, culturali e concettuali). Un po’ una ‘Rainforest’ globale (per chi ha letto il libro).

Trento, 25 marzo 2013

PAOLO LOMBARDI

Per questo post si ringrazia: Che Futuro! » Startup Italia e vi invitiamo a continuare la lettura su: Paolo Lombardi: SWSS, un network e un cambiamento che vengono dal basso

Paolo Lombardi: SWSS, un network e un cambiamento che vengono dal basso

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi