Perché è necessario poter misurare l’impatto dell’innovazione sociale

Perché è necessario poter misurare l’impatto dell’innovazione sociale

Start-Up ed Innovazione by Chefuturo.it

La settimana scorsa ero a Londra per la prima riunione della giuria della European Social Innovation Competition. L’incontro si è tenuto nella sede del National Endowment for Science, Technology and the Arts; lo presiedeva Geoff Mulgan, il suo direttore.

Geoff è, secondo me, uno dei policy makers più interessanti d’Europa: anche se non sempre sono d’accordo con lui, quando parla lo ascolto con la massima attenzione di cui sono capace. In questa occasione mi ha colpito molto per la sua insistenza sull’importanza di misurare l’impatto delle iniziative socialmente innovative. Rigore e misurazione quantitativa, secondo lui, sono indispensabili per spazzare via la fuffa che, in questi anni, si è incrostata sul concetto di innovazione sociale.

Sul rigore sono d’accordo. Sulla misurazione quantitativa ho molti dubbi. Gli innovatori sociali – quelli veri, quelli disruptive – vogliono cambiare la società nel profondo, quindi non ha senso valutarne gli effetti in termini della società che deve essere cambiata. Prendete, per esempio, Bitcoin – una moneta progettata in modo che nessun ente centrale possa manipolarne il valore, che protegge l’anonimato di chi la usa con tecniche crittografiche impenetrabili.

Conosco personalmente alcuni dei suoi proponenti più attivi in Europa: sono persone idealiste e generose, animate dall’idea che la cosiddetta “fiat money”, la moneta creata dalle banche centrali e moltiplicata dal sistema bancario, sia irrimediabilmente difettosa. C’è solo un piccolo problema: le transazioni con contante elettronico anonimo offrono opportunità per nuove forme di evasione fiscale.

Bitcoin, dicono i suoi critici, ha il potenziale di colpire al cuore gli stati, distruggendone la capacità di imposizione. Quando glie lo fai notare, i partigiani di Bitcoin dicono “beh, gli stati non sono un bene in sé stessi, servono a risolvere i problemi delle persone. Se la loro esistenza ci impedisce di risolvere problemi come quello della moneta forse è ora di trovare qualcos’altro che funzioni meglio.”

Gettare via l’istituzione-Stato? Provo a tradurre: non è che queste persone siano dei rivoluzionari a prescindere. È che, per l’innovatore, lo status quo ha valore zero, e in qualche caso negativo. Egli (o ella) conduce la sua valutazione nei termini del mondo in cui la sua innovazione ci sarà. I valutatori professionisti, che lavorano per i governi o per fondazioni private, valutano invece in termini del mondo che abbiamo adesso, in cui essi sono classe dirigente e che non desiderano vedere cambiare più di tanto.

Sono come i clienti di Henry Ford, che, a dire del grande industriale, avrebbero chiesto “cavalli più veloci” perché, semplicemente, non erano in grado di vedere la civiltà dell’automobile senza rinunciare a una parte importante della propria identità. O come l’arcivescovo di Mainz, sponsor di Gutenberg attraverso il “venture capitalist” Johann Fust, che investiva sulla stampa a caratteri mobili sulla base di un impatto (la possibilità di produrre certificati per indulgenze rapidamente e a basso costo) che è risultato, ex post, insignificante; mentre l’impatto vero (democratizzazione di lettura e scrittura, diffusione di materiale religioso etorodosso e vittoria della Riforma protestante) lo avrebbe indotto a licenziare Gutenberg e fare a pezzi la macchina.

Noi consideriamo la stampa a caratteri mobili un grande passo avanti nella storia dell’umanità, ma questo è perché noi siamo figli della civiltà che quell’innovazione ha prodotto. Siamo i vincitori di quella particolare battaglia, e la storia la scriviamo noi – se non altro perché i perdenti si sono estinti.

Sto esagerando? Non credo. Molta innovazione sociale cerca di ridisegnare il welfare. Il welfare è una parte importantissima dell’identità europea: l’istruzione obbligatoria e gratuita, l’assistenza sanitaria, le misure a sostegno degli esclusi. Questa è roba politicamente esplosiva.

Provate a dire, nel corso di qualunque discussione “beh, l’università di massa ci costa troppo e non funziona, sostituiamo tutto con apprendimento peer-to-peer online”: nella maggior parte dei casi questo non porterà a una discussione serena, ma a una difesa strenua dei valori (come “diritto allo studio”) che hanno ispirato la politica della scolarizzazione di massa. Voi provate a rispondere che il sistema che abbiamo non è efficace nell’affermare quei valori, e che ha senso riflettere su strade alternative: verrete trattati con sospetto e irritazione (“ci dev’essere una fregatura sotto. L’università di massa non si tocca”).

Quindi il valutatore di progetti di innovazione sociale è in una posizione scomoda. Se un progetto è a basso impatto non vale la pena di sostenerlo; ma se è ad alto impatto, sostenerlo potrebbe essere pericolosissimo per la società nella quale si sta compiendo la valutazione.

Come uscirne? Una soluzione tecnica potrebbe essere separare nettamente la funzione di promozione dell’innovazione sociale da quella di controllo. In questo scenario, ci sarebbe un piccolo mondo di agenzie governative, fondazioni etc. intente a cercare di massimizzare il potenziale creativo dell’innovazione sociale, senza compromessi e senza riguardi per gli equilibri esistenti; e un “cane da guardia” che filtra gli aspetti disruptive troppo costosi in termini di stabilità. Ma probabilmente questo sistema sarebbe politicamente inaccettabile – senza contare che prevedere gli effetti disruptive è come minimo molto difficile, e come massimo impossibile anche sul piano concettuale.

Nell’attesa di un’idea migliore, temo che dovremo rassegnarci a politiche di promozione dell’innovazione sociale che mandano avanti idee modeste e premiano i “soliti sospetti”, garanti di equilibri forse destinati a schiantarsi ma che non riusciamo davvero a mettere in discussione.

Bruxelles, 27 febbraio 2013

ALBERTO COTTICA

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Perché è necessario poter misurare l’impatto dell’innovazione sociale

L’articolo è stato realizzato/diffuso nell’ambito di un’attività di promozione di siti internet per mezzo della diffusione attraverso il web di articoli personalizzati e comunicati stampa.

CheFuturo! non è solo un blog. È un progetto per sostenere l’innovazione in Italia. È una partita difficile e per giocarcela abbiamo solo una possibilità. Fare squadra.
Argomenti trattati: 0087 | Il lunario dell’Innovazione: news su Start-Up, Innovazione, Agenda Digitale, Green City, Social Innovation
Altre informazioni inerenti Perché è necessario poter misurare l’impatto dell’innovazione sociale: , Alberto Cottica, http://www.chefuturo.it/feed/, Che Futuro!, lunario dell’innovazione

Molte malattie possono interessare i muscoli che possono rallentare il flusso di sangue, causare disfunzione erettile. farmacie online fornisce medicine migliaia di prescrizione e di altri medicina. In generale, gli uomini e le donne soffrono di disturbi sessuali. Hai una domanda su Kamagra e “Kamagra Oral Jelly UK“? Ciò che i consumatori parlano di “”? Altro punto dobbiamo è “”. Anche se il sesso non è di vitale importanza per una buona benessere, è decisamente importante per voi. Prima di prendere il Kamagra, informi il medico se si hanno problemi di sanguinamento. Tenere questo rimedio nel contenitore è entrato, spessa chiusa. Per esempio i farmaci liquidi, se possibile, devono essere conservati in frigorifero, ma anche possono essere conservati a temperatura ambiente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi