Sbalchiero (Confartigianato) su Piano Casa: «Cittadini veneti tutti di serie “A”».

«Certezza del diritto: 1 – Burocrazia: 0. I cittadini veneti, ora, sono tutti di “serie A”». Con queste parole Giuseppe Sbalchiero, presidente di Confartigianato Imprese Veneto, ha commentato la recente approvazione del “Piano Casa ter” da parte del Consiglio Regionale del Veneto. «Una grandissima vittoria che porta con sé un valore economico rilevante ed una grande valenza sociale – ha sottolineato il numero uno di Confartigianato – . Durata triennale ed eliminazione del potere di veto dei sindaci: questi sono questi due grandissimi risultati che il mondo dell’artigiano edile attendeva e che impreziosiscono un testo di legge ricco di novità e di opportunità». …

Sbalchiero (Confartigianato) su Piano Casa: «Cittadini veneti tutti di serie “A”».

«Certezza del diritto: 1 – Burocrazia: 0. I cittadini veneti, ora, sono tutti di “serie A”». Con queste parole Giuseppe Sbalchiero, presidente di Confartigianato Imprese Veneto, ha commentato la recente approvazione del “Piano Casa ter” da parte del Consiglio Regionale del Veneto.

«Una grandissima vittoria che porta con sé un valore economico rilevante ed una grande valenza sociale – ha sottolineato il numero uno di Confartigianato – . Durata triennale ed eliminazione del potere di veto dei sindaci: questi sono questi due grandissimi risultati che il mondo dell’artigiano edile attendeva e che impreziosiscono un testo di legge ricco di novità e di opportunità».
«La nostra grande intuizione, come associazione di nlFRspecategoria, è stata quella di predisporre un’indagine che sottolineasse il valore economico, sociale ed ambientale dei “Piani Casa” precedenti, oltre ad una stima di cosa sarebbe potuto succedere se le norme fossero state applicate in modo uniforme sul territorio – ha proseguito Sbalchiero – . Sono emersi dati per certi versi sconcertanti, che sono serviti a valorizzare i punti salienti del nuovo provvedimento e – soprattutto – a smontare con fatti concreti, pregiudizi, ideologie e la malafede, ad esempio, sul consumo del suolo. Le 62mila domande (a fine luglio 2013) sono infatti pari ad un impatto di 3,4 istanze per kmq e 12,7 domande ogni 1.000 abitanti, per una media complessiva di poco più di 100 istanze per comune».

«Questa è la realtà, come reali sono i 2,5 miliardi di euro di giro d’affari effettivamente attivati – ha detto ancora il presidente – . Finalmente avremo una norma applicata in modo uniforme senza per questo intaccare i centri storici (salvaguardati dalla norma) o aree a forte propensione turistica: infatti, prevalentemente si parla di interventi per la “prima casa” e non di quelle per la villeggiatura. Tutti potranno sapere cosa possono e non possono fare, con quali limiti e con quali regole».
«In un periodo storico difficile, caratterizzato dalla mancanza di liquidità – ha concluso Sbalchiero – il “Piano Casa ter” offre una gamma di risposte concrete per la famiglia, per i figli, per dare alloggio alla badante, per la necessità di ampliamenti senza dover affrontare l’acquisto di un nuovo immobile. Tutto ciò darà respiro soprattutto alle imprese artigiane locali che avranno un ulteriore semplificazione».

IL “PIANO CASA” IN SINTESI

• 62.000 domande presentate a fine luglio 2013;

• 160 metri cubi la dimensione media degli interventi residenziali;

• 600 metri cubi la dimensione media degli interventi non residenziali;

• 3 miliardi di euro di investimenti attivabili dalle domande presentate;

• 2,5 miliardi di euro di investimenti attivati dalle domande accolte;

• 95% delle volumetrie relative solo all’aumento del 20% (art. 2 della LR);

• 13,7 miliardi di euro di investimenti nelle costruzioni nel 2012 con il “Piano Casa”;

• 12,8 miliardi di euro di investimenti nelle costruzioni nel 2012 senza “Piano Casa” (stima);

• -3.155 imprese nel triennio 2010-2012 con il “Piano Casa”;

• -10.800 imprese nel triennio 2010-2012  senza il ”Piano Casa” (stima);

• -13.654 addetti nel triennio 2010-2012 con il “Piano Casa”;

• -25.300 addetti nel triennio 2010-2012 senza il ”Piano Casa” (stima);

Fonte: “Gli effetti del Piano Casa nel Veneto” – Confartigianato Imprese Veneto – Theorema srl

Per questa notizia si ringrazia:

Officina Veneto

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Sbalchiero (Confartigianato) su Piano Casa: «Cittadini veneti tutti di serie “A”».

Sbalchiero (Confartigianato) su Piano Casa: «Cittadini veneti tutti di serie “A”».

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi