Scarti a matrice legnosa: ottenere una resa migliore

In un difficile clima di mercato degli scarti a matrice legnosa, la lavorazione mirata ed efficace del legno usato è più importante che mai. Negli ultimi anni sono stati fatti molti sforzi per riuscire a sviluppare macchine per questo scopo capaci di offrire soluzioni economicamente efficienti.

Non c'è modo di aggirare la questione. Infatti, da oltre un anno il mercato del legno di scarto soffre di un drastico eccesso di offerta di materiale, più di quanto i trasformatori possano sopportare. Inverni miti, tempi di fermo delle centrali più lunghi e quantità notevolmente maggiori di materiale dalla raccolta e dai rifiuti di costruzione sono alcuni dei fattori che hanno determinato questa situazione.

Per questi motivi una lavorazione efficace e mirata è più importante che mai per far fronte ai volumi ottenendo la qualità del prodotto necessaria a costi accettabili, per il riciclaggio o l'uso di carburante. Sandei S.r.l. da tempo dedica attenzione e risorse allo sviluppo di macchinari per la lavorazione del legno di scarto.

La qualità degli scarti a matrice legnosa aiuta il riciclaggio e ottimizza l’uso del carburante

Ci sono alcune cose che devono essere considerate quando si lavora il legno usato, perché il materiale può variare notevolmente. Questo inizia con la quantità di contaminazione da materiali pericolosi. Infatti, l'origine del legno è altrettanto importante per le varie fasi di lavorazione. Che si tratti di rifiuti sfusi, imballaggi o demolizioni, il legno viene solitamente consegnato non differenziato e più o meno fortemente contaminato da oggetti estranei e contrari. Questi includono contrari metallici, così come plastica e molti altri materiali.

Il recupero dei materiali, cioè il riciclaggio, ha un posto d'onore rispetto al recupero termico, ovvero l'uso come combustibile. La produzione di pannelli truciolari è un'applicazione tipica in cui il legno riciclato di scarto sostituisce sempre più il legno nuovo. Ma indipendentemente dalla destinazione d'uso, la qualità del materiale di recupero è sempre la prima priorità. Deve avere contaminanti minimi e particelle fini ed essere il più omogeneo possibile con una composizione definita.

Vantaggi a bassa velocità

Bisogna verificare la questione esaminando in modo molto approfondito diversi metodi di lavorazione per quanto riguarda la resa del prodotto e i costi operativi. I test di trituratori ad alta e bassa velocità hanno misurato la produttività, il consumo di energia e la composizione granulare, quest'ultima mediante vagliatura. Per valutare i costi di esercizio, i test hanno confrontato la lavorazione a una fase con trituratori ad alta e bassa velocità e la lavorazione a due fasi con trituratore a bassa velocità e vagliatore per restituire lunghezze eccessive per la triturazione.

Ottenere il massimo dal legno usato – riciclaggio dei rifiuti di legno. Il test è stato eseguito su tre diverse scale di sistema. Per i sistemi che gestiscono fino a 15.000 tonnellate all'anno, la lavorazione in una o due fasi aveva gli stessi costi operativi, mentre fino a 30.000 o 50.000 tonnellate di produttività annuale la configurazione a due stadi con vagliatore per il ritorno di lunghezza eccessiva si è rilevata la soluzione più economica.

Naturalmente, in questo contesto l'insensibilità delle macchine a bassa velocità è molto importante, soprattutto in contrasto con le cippatrici ad alta velocità, che nonostante presentano delle lame oscillanti sono ancora soggette a maggiore usura o danni a lungo termine.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi