Serie A, le cinque sorprese del nostro campionato

Tempo di bilanci per la nostra Serie A che va in archivio aspettando quella che sarà un'estate comunque all'insegna del calcio. Tra Europei, Coppa America e mettiamoci anche le Olimpiadi, il pallone non andrà praticamente mai in vacanza, senza contare naturalmente i sogni e i discorsi che nascono sotto l'ombrellone nelle fantasie di mercato. Ma che campionato è stato questo 2015/2016 ? La Juve ha dimostrato sicuramente di essere la più forte, con una rimonta e sorpasso incredibile, mentre hanno sorpreso molto sia l'Empoli di Giampaolo, che dopo la partenza di Sarri e di alcuni pezzi pregiati si pensasse fosse una delle principali candidate alla retrocessione, che il Chievo di Maran che zitto zitto si è salvato ancora una volta in grande tranquillità. Ma vediamo ora quali sono stati i cinque giocatori che più hanno sorpreso per il loro rendimento.

Le sorprese

Naturalmente la sorpresa più lieta non può essere che quella di Gigio Donnarumma. Il baby portiere rossonero infatti ha stupito veramente tutti, prendendosi il posto da titolare a discapito di Diego Lopes non certo l'ultimo arrivato, e candidandosi a 17 anni come il vero erede di Buffon. A Bologna poi c'è un appena maggiorenne invece che ha fatto benissimo, ovvero il centrocampista centrale Diawara. Sia Rossi prima che Donadoni poi gli hanno affidato le chiavi della regia della squadra rossoblù, ed il giovane originario della Guinea è stato sempre tra i migliori, tanto da catturare le attenzioni dei grandi club non solo italiani. Il Napoli di Sarri è andato alla grande ma il giocatore che sicuramente si è migliorato di più è stato Hysaj, terzino destro arrivato dall'Empoli che subito si è conquistato il posto da titolare in una difesa che ha subito poche reti, contribuendo così all'ottima stagione degli azzurri quanto le reti di Huguain. Letteralmente trasformato è il genoano Suso, che da oggetto misterioso al Milan si è dimostrato a tratti travolgente al Genoa, con Gasperini che lo ha schierato come seconda punta facendolo esplodere, ora il ritorno in rossonero dove si spera che possa continuare ad essere così continuo. Infine non si può citare Totti. Se per qualcuno, soprattutto oltreoceano, si pensava che fosse da rottamare come una vecchia Skoda Roma, il capitano invece ha stupito tutti, risultando decisivo con gol e assist nel finale di stagione dei giallorossi per centrare l'obiettivo Champions. Ora il meritato rinnovo è dietro l'angolo perchè il pupone ha dimostrato di non essere affatto un ex giocatore.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi