Infrastrutture e il tempo perduto in Italia. Intervista a Franceschi (Confesercenti Veneto)

“Gli altri Paesi sono andati molto avanti negli investimenti (in infrastrutture, ndr.), anche quando facevano debito”. Maurizio Franceschi di Confesercenti Veneto comincia così l’analisi sulla situazione delle infrastrutture (materiali e immateriali) in Italia, portando l’esempio della Spagna e della sua realtà, “per non parlare del Nord Europa”. “Il nostro debito non è servito a creare infrastrutture, noi abbiamo sprecato i soldi”, continua Franceschi, che punta il dito sulla gestione dei fondi (anche europei) dedicati e sul tempo da recuperare. Lo…

Nuova misura per la “riassicurazione del credito”

A valere sul Fondo Regionale di Garanzia ex LR 19/2004, è possibile riassicurare il credito concesso dalle Banche alle PMI nella misura dell’80% delle garanzie prestate dai Confidi a sostegno delle operazioni previste dalle Linee d’Intervento, con l’applicazione di un cap variabile in funzione della Linea prescelta. Le garanzie consortili dovranno essere di importo pari al 50% delle sottostanti operazioni bancarie e, in funzione della Linea d’Intervento, potranno essere a prima richiesta (anche con congruo anticipo) o sussidiarie. Per informazioni…

La Legge di Stabilità, gli interventi principali

Il Consiglio dei Ministri, riunito il 15 ottobre a Palazzo Chigi, ha approvato, su proposta del ministro dell’Economia e delle Finanze, Fabrizio Saccomanni, due disegni di legge. Il primo contenente disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di Stabilità 2014). Il secondo riguardante il bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2014 e il bilancio pluriennale per il triennio 2014-2016. Legge di Stabilità, gli interventi principali from Palazzo Chigi – Governo Italiano Per commentare…

VI, PD, VE, TV: ecco la classifica delle “Fattorie didattiche”

Oltre 3.100 visite didattiche, quasi 130.000 visitatori (una media di circa 540 presenze per azienda), un giro d’affari stimato in circa 1,2 milioni di euro all’anno, proveniente per circa due terzi dalle visite didattiche scolastiche (con un giro di affari medio di 3.500 euro per azienda) e per il restante terzo da visite extra-scolastiche (iniziative culturali rivolte a gruppi, famiglie e anziani, centri estivi e settimane verdi, agri-nido), che permettono di realizzare un ricavo medio annuo di 11.900 euro per…

Prestiti alle PMI venete giù del 6,9%, il dato più pesante del Nord

Il valore complessivo dei prestiti bancari alle imprese con meno di 20 addetti a fine giugno 2013 in Veneto è pari a 18.725 milioni di euro. Il fenomeno del credit crunch per le piccole imprese venete è stato molto intenso e la stretta del credito superiore a tutte le altre regioni settentrionali: la flessione rispetto all’anno precedente è stata del -6,9% (-6,2% la media italiana). La restrizione del credito si registra su base tendenziale (rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente…

Gli scenari del “sistema-Italia”. Intervista a Maurizio Franceschi (Confesercenti Veneto)

“In tutto il resto dell’Europa la ripresa è partita. Perchè da noi non parte?”. Inizia da questo quesito l’analisi della situazione economica della nostra realtà nazionale, da parte di Maurizio Franceschi di Confesercenti Veneto. “Il nostro Paese non è in grado di garantire e favorire la ripresa”, spiega Franceschi, che illustra poi quali saranno i possibili scenari se il “sistema-Italia” non riuscirà ad affrontare quelle riforme che sono improcrastinabili per il bene delle imprese, delle famiglie e di tutti i…

Lavoro giovanile: timidi segnali di ripresa?

<!--[if gte mso 9]> Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE <![endif]--> <!--[if gte mso 9]> DefSemiHidden="true" DefQFormat="false" DefPriority="99" LatentStyleCount="267"> UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Normal"/> UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="heading 1"/> UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Title"/> UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Subtitle"/> UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Strong"/> UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="Emphasis"/> UnhideWhenUsed="false" Name="Table Grid"/> UnhideWhenUsed="false" QFormat="true" Name="No Spacing"/> UnhideWhenUsed="false" Name="Light Shading"/> UnhideWhenUsed="false" Name="Light List"/> UnhideWhenUsed="false" Name="Light Grid"/> UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 1"/> UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Shading 2"/> UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 1"/> UnhideWhenUsed="false" Name="Medium List 2"/> UnhideWhenUsed="false" Name="Medium Grid 1"/> UnhideWhenUsed="false" ...

Il sistema socio-sanitario: rischi, scenari, provvedimenti. Intervista a Adriano Rizzi (Legacoop)

I tagli al bilancio dello Stato, visto il perdurare della crisi economica, coinvolgono (e coinvolgeranno) anche un settore delicato come quello della Sanità, con inevitabili ricadute sul Sociale. Quali i rischi, gli scenari e i provvedimenti che ci si deve attendere? Officina Veneto ha intervistato sul tema Adriano Rizzi, presidente di Legacoop Veneto, che ha sottolineato quali siano i problemi che le famiglie si troveranno a dover affrontare in un prossimo futuro. Per commentare il dibattito ed esprimere la propria…

Pedemontana veneta: dopo il brand, un concorso di idee

Dal progetto regionale realizzato dal CISET è nato il Logo turistico ufficiale per la Pedemontana, un’area riconosciuta dalla recente Legge sul Turismo fra i tematismi veneti. Dopo il concorso di idee per il logo, la fase due del progetto Pedemontana Veneta prevede una selezione di idee imprenditoriali che entro l’anno saranno «adottate» da alcune aziende e premiate. Per poi trasformarsi in realtà. Dopo aver individuato il brand con il nuovo logo, la «fase due» del «progetto Pedemontana Veneta» lanciato dalla…

Disoccupazione: lieve rallentamento

Sono circa 170.000 i disoccupati in Veneto, per la maggior parte persone che hanno perso il lavoro. La disoccupazione segna a metà anno un leggero rallentamento, ma rimane preoccupante la crescita che la nostra regione ha vissuto dall’inizio della crisi. Le conseguenze sono economiche ma anche sociali, con un territorio costretto a confrontarsi con una problematica fino ad alcuni anni fa praticamente sconosciuta. A pagare maggiromente questa situazione sono soprattutto le donne, che nel 60% dei casi si trovano disoccupate…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi